Restituito al pubblico il terzo piano di Palazzo Barberini

PalazzoBarberini

L’inaugurazione il 23 giugno. La nuova ala ospiterà importanti eventi culturali. Il termine dei lavori nel 2013

 

ROMA – Apre al pubblico il terzo piano di Palazzo Barberini, dopo un intervento di totale recupero e restauro. L’inaugurazione della nuova ala, che ospiterà le collezioni del ‘600-700 della Galleria Nazionale d’Arte Antica, avverrà il prossimo 23 giugno.

L’annuncio del sottosegretario dei Beni culturali Francesco Giro arriva in occasione della presentazione dei nuovi spazi e delle nuove mostre del Maxxi, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo. “La riapertura del terzo piano di Palazzo Barberini si aggiunge – dichiara Giro – a quella che lo scorso anno ha coinvolto sette sale al secondo piano dello stesso immobile”, in cui hanno trovato degna collocazione i capolavori di Caravaggio. Il progetto di recupero dell’intero edificio non è ancora completato.

Il tassello mancante riguarda infatti il restauro della facciata interna della Galleria, per la cui realizzazione, come conferma Giro, sarà indispensabile “trovare un’intesa con gli esercizi commerciali, ristoranti, pizzerie, che sorgono sul lato sinistro del Palazzo”, perché contribuiscano al miglioramento del decoro complessivo della struttura. Il recupero della facciata ha un costo che si aggirerà tra i tre e i cinque milioni di euro, rispetto al cui stanziamento Giro si dice ottimista, in virtù delle rassicurazioni fornite dal ministro Bondi. Il Ministero ha garantito infatti, conferma il sottosegretario, “che ogni anno Palazzo Barberini, all’interno dei fondi ordinari riceverà quello che gli spetta”, fino al 2013, termine previsto per i lavori.

Il restauro del terzo piano è parte di un complessivo progetto di rinascita dell’immobile, che ospiterà importanti eventi culturali. A cominciare dal convegno internazionale dedicato alla figura di Giovanni Paolo II, che avrà luogo a marzo, alla vigilia della beatificazione prevista per il primo maggio.

Potrebbero interessarti anche