Lazio, nonostante la crisi aumentano le imprese

Imprese_Lazio Il trend positivo del tasso di crescita delle attività della regione supera quello nazionale

 

ROMA – Dalle imprese del Lazio arrivano segnali positivi. Secondo i dati diffusi dal Centro Studi di Confindustria Lazio, l’analisi comparata della natalità e mortalità delle attività della regione nel 2010 consente di rilevare un incremento del tasso di crescita pari al 2,1 per cento (corrispondente a 12.500 imprese) rispetto al 2009. Il dato è significativo se si considera l’attuale condizione di diffusa crisi economica ed è indice di una situazione più rosea rispetto al panorama italiano. La variazione dello stesso fattore a livello nazionale, infatti, è pari all’1,2 per cento (quantificabile in 72mila imprese).

Il Lazio ospita il 9,8 per cento delle 6,2 milioni di imprese italiane e 42mila sono quelle registrate lo scorso anno sul totale nazionale di 411mila. Al contrario, le imprese cessate sono in diminuzione del 2 per cento (33mila unità), con una variazione meno significativa di quella nazionale.

In particolare, i dati di Confindustria rilevano che a Roma è localizzato il 73,7 per cento delle imprese della regione: con oltre 10mila imprese in più rispetto al 2009 la provincia fa osservare il più alto tasso di crescita laziale, pari al 2,4 per cento. Le nuove iscrizioni si attestano a circa 31mila unità e le cessazioni, in decremento dell’1,1 per cento rispetto all’anno precedente, risultano pari a 23mila.

La seconda provincia per numerosità è Latina che ospita il 9,6 per cento delle imprese registrate nel Lazio, con un tasso di crescita dell’1,4 per cento. Frosinone, con il 7,7 per cento di attività del territorio, fa invece segnare un tasso di crescita inferiore alla media regionale, pari all’1,7 per cento.

Le oltre 38mila imprese di Viterbo contribuiscono al 6,4 per cento del totale regionale, con il tasso di crescita (0,5 per cento) più contenuto della regione. Rieti, infine, ospita il 2,6 per cento del totale regionale e fa registrare un tasso di crescita positivo pari all’1 per cento.

Potrebbero interessarti anche