Roma, con meno smog si eviterebbero oltre mille morti all’anno

smog-romaUno studio europeo rivela: riducendo le polveri ogni cittadino sopra i 30 anni guadagnerebbe un anno di vita

 

ROMA – Ogni anno a Roma morirebbero 1.278 persone in meno se si riducesse l’inquinamento da polveri ultrasottili. È quanto emerso dai dati raccolti dal Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario della Regione Lazio, all’interno dello studio europeo “Aphekom” presentato a Parigi. A rappresentare lo stato dell’inquinamento dell’aria in Italia saranno le rilevazioni registrate nella Capitale.

Lo studio, condotto da 60 esperti in 12 paesi dell’Unione, ha ipotizzato uno scenario in cui il livello delle Pm2,5 scenda a 10 microgrammi per metro cubo, quello cioè suggerito dall’Organizzazione mondiale della sanità ma superato in quasi tutte le capitali europee compresa la nostra, dove la media è circa il doppio.

Se si ottenesse questo risultato a Roma, spiega il Dipartimento di Epidemiologia laziale, oltre alle morti evitate ogni cittadino sopra i trent’anni guadagnerebbe circa un anno di vita, e si risparmierebbero sul lungo termine 2 miliardi di euro di costi sanitari. A livello europeo, invece, il guadagno di anni di vita sarebbe quasi doppio, 22 mesi, e il risparmio di 31,5 miliardi di euro.

“A Roma il 23 per cento dei residenti vive a meno di 75 metri da una strada ad alto traffico – si legge nel rapporto finale – I risultati dello studio mostrano che l’11 per cento dei casi di aggravamento di asma nei bambini, il 18 per cento di problemi acuti negli anziani affetti da bronco pneumopatia cronico ostruttiva, e il 23 per cento di problemi acuti negli anziani malati di malattie coronariche possono essere attribuiti al forte inquinamento nell’area di residenza”.

Potrebbero interessarti anche