Cercasi acquirente per il Palazzo delle Esposizioni

palazzo-esposizioni-sliderIl Comune di Roma starebbe trattando la cessione in un sol colpo di tre “gioielli”, tra cui il Palazzo delle Esposizioni

 

ROMA – La notizia è di quelle da sballo: il Comune tratta la cessione in un colpo solo del Palazzo delle Esposizioni, delle Scuderie del Quirinale e della Casa del Jazz. Caduta come un fulmine nel bel mezzo delle discussioni sul bilancio dell’amministrazione e sui tagli finanziari del governo e destinata probabilmente a rimanere riservata, l’ipotesi non poteva non suscitare a botta calda sorpresa e reazioni in tutte le forze politiche. La notizia di un incontro a quattr’occhi tra Alemanno ed Emmanuele Emanuele, presidente delle Fondazioni Roma e Palaexpo, ha invece rimescolato improvvisamente tutte le carte.

Le motivazioni sono essenzialmente economiche: l’azienda costa ogni anno al Comune 10 milioni di euro e di questi tempi la possibilità di risparmiarli dando in concessione l’intero pacchetto e mettendo in liquidazione il Palaexpo fa gola al Sindaco. Stando alle indicazioni giornalistiche, si sarebbe parlato anche delle procedure di gara per assegnare l’eventuale concessione. Se il progetto prendesse corpo, infatti, sarebbe questo uno dei passaggi più critici e delicati, su cui si è già scatenata un’accesa bagarre.

“Vigileremo affinchè venga scongiurato qualsiasi tentativo di assegnare a trattativa privata asset di così rilevante interesse pubblico” è più o meno il commento unanime dell’opposizione. Il Comune si è affrettato a smentire qualunque percorso non lineare o non conforme alle normative vigenti: “Il sindaco, d’intesa con l’assessore alla Cultura, sta conducendo una verifica su varie ipotesi di gestione dell’azienda speciale Palaexpo che permettano una riduzione del contributo pubblico senza diminuire il potere di vigilanza e indirizzo di Roma Capitale sulle esposizioni organizzate al Palaexpo né tanto meno il valore dell’attività”.

Nonostante l’acqua sul fuoco, le polemiche non accennano a spegnersi. Anzi, trapela dal Quirinale qualche malumore per la sorte delle Scuderie, così come lo stesso prof. Emanuele pare che sia sconcertato dalle reazioni e dall’approssimazione della gestione di questi primi pour parler.

Potrebbero interessarti anche