Tunisini, il treno della speranza è fermo a Termini

tunisini-roma-11Su Romacapitale.net le foto dei tunisini “invisibili” che da giorni vivono all’addiaccio nella stazione in attesa di ripartire

 

ROMA – È la stazione Termini il crocevia ultimo per i tunisini in arrivo da Lampedusa e dai vari campi, diretti a Ventimiglia. Per ora sono circa 200, ma ne arrivano 50 al giorno. Dormono per strada da quattro notti: in tasca hanno il permesso di soggiorno temporaneo per motivi umanitari, ma neanche un euro.

Ieri sera il dipartimento Servizi Sociali del Comune ne ha accompagnati alcuni “in una struttura di accoglienza alle porte di Roma per ospitarli”, ma solo per una notte. Da stamattina sono di nuovo in giro. Nessuna istituzione a occuparsi di loro: in strada ci sono solo due donne di origine tunisina che, a turni e a spese proprie, cercano di garantire loro un pasto al giorno e di aiutarli con i documenti e a orientarsi con la burocrazia.

I tunisini nel frattempo sostano alla fine di via Giolitti, davanti alla fermata dei taxi. Seduti sui gradini o in piedi parlano tra loro e, almeno per il momento, non hanno creato problemi di ordine pubblico. Le uniche richieste, per ora, sono quelle relative al cibo e a dove trascorrere la notte, nella speranza di trovare un luogo più dignitoso delle aiuole della stazione o dei portici di piazza della Repubblica. L’obiettivo finale è sempre lo stesso: raggiungere i connazionali residenti al Nord Italia o in Francia, per sfuggire alla miseria del proprio Paese.

{gallery}fotogallery/tunisini-roma{/gallery}

Una realtà, quella dei “tunisini invisibili” esclusi dalle cifre ufficiali, ben diversa dai proclami del sindaco Alemanno, che appena due giorni fa aveva dichiarato: “A Roma ci sono solo 47 tunisini arrivati da Lampedusa”.

Proprio contro il sindaco Alemanno si scaglia Jean-Leonard Touadi, deputato del Partito Democratico, che accusa: “Le clamorose bugie del sindaco, della sua maggioranza e del governo hanno le gambe corte e l’improvvisazione, la demagogia e l’incapacità organizzativa, sono sotto gli occhi di tutti”.

Nel frattempo, qualcosa pare muoversi. Dal Campidoglio arrivano rassicurazioni: “I migranti ripartiranno in giornata verso altre destinazioni in Italia e in Europa”. Staremo a vedere.

(Noemi Trino)

Potrebbero interessarti anche