Intervento in Libia, vertice Pdl senza Berlusconi

berlusconi-bossi-SLIDERIl premier da Milano apre a Bossi: “La posizione della Lega può essere condivisa”. Questa sera l’incontro tra i due

 

ROMA – Il tentativo di ricompattare la maggioranza sulla Libia fa tappa a Palazzo Chigi, con un vertice del Pdl. Assente Berlusconi – impegnato a Milano nel processo Mediatrade – toccherà ai sottosegretari Letta e Bonaiuti e ai ministri Frattini e La Russa, oltre che ai capigruppo del partito, sciogliere il nodo delle mozioni che saranno discusse e votate domani dall’aula di Montecitorio. Il punto più delicato: una data per la fine della missione, la vuole la Lega che chiede anche che la risoluzione venga votata da maggioranza e opposizione. Bossi, dal lago di Como dove ha partecipato alla tradizionale “batelada” del primo maggio (organizzato dal sindacato padano), non solo non fa marcia indietro ma lancia un preciso messaggio al governo: “Se Berlusconi non vota la mozione vuol dire che vuol far saltare il suo governo”. “La posizione della Lega può essere condivisa” replica da Milano Berlusconi.

Il ministro dell’Interno Maroni prevede dal canto suo che dalla Libia possano arrivare 50mila rifugiati politici che non possono essere rimandati indietro e considera serie le minacce di Gheddafi all’Italia. Il Partito Democratico ha già fatto sapere che non voterà il documento leghista, ma gli occhi sono puntati soprattutto sul vertice del Pdl per capire se e come sarà possibile convergere su una mozione unitaria della maggioranza. Un possibile compromesso potrebbe essere quello di prevedere una verifica parlamentare periodica sulla missione in Libia.

Al momento le mozioni ammesse al confronto parlamentare di domani sono quelle dell’Italia dei Valori – sospendere immediatamente i bombardamenti – e della Lega. Il Pdl potrebbe proporre agli alleati la convocazione periodica del parlamento per valutare lo stato della missione e confermare la linea del governo. Senza un’intesa, Pdl e Lega potrebbero decidere di astenersi reciprocamente al momento del voto delle due mozioni: ciò renderebbe meno palese il dissenso sull’invio dei bombardieri italiani. E per questa sera – rivela il direttore de la Padania – è confermato l’incontro Berlusconi-Bossi ad Arcore.

Potrebbero interessarti anche