Olimpiadi 2020, è partita ufficialmente la corsa di Roma

giochi_2020Il Cio ha avviato le procedure per le candidature con alcune novità. Entro il 1° settembre i nomi delle candidate

GINEVRA – È cominciata ufficialmente ieri la corsa di Roma per le Olimpiadi 2020. Il Comitato olimpico internazionale ha infatti avviato le procedure per le candidature ad ospitare i Giochi 2020. Roma è al momento l’unica città candidata in quanto il Coni è il solo comitato olimpico al mondo che ha espresso ufficialmente il nome di una città per candidarsi al 2020. Le altre (da Parigi a Tokyo, da Istanbul a Durban, da Madrid all’India), sono solo voci. E ieri si è ritirata ufficialmente Hiroshima. La città giapponese non presenterà la sua candidatura dopo il parere negativo della popolazione e soprattutto la mancanza di fondi. Secondo la procedura, i comitati olimpici nazionali sono invitati a presentare il nome della città candidata ad ospitare le Olimpiadi 2020 entro il primo settembre prossimo.

Le candidature devono essere corredate da lettere di garanzia che devono essere inviate al Cio entro il 15 febbraio 2012. L’elezione della città ospitante dei Giochi Olimpici 2020 si terrà il 7 settembre 2013 durante la 125a Sessione del CIO a Buenos Aires in Argentina.

Novità assoluta, nella procedura per la presentazione delle candidature introdotta dal Cio sono le condizioni che le città candidate dovranno rispettare. Per la prima volta infatti i comitati olimpici nazionali dovranno indicare entro il 29 luglio 2011 se intendono organizzare i giochi in date diverse da quelle consuete (tra il 15 luglio e il 31 agosto) e spiegare le ragioni dell’eventuale cambiamento di data; dovranno inoltre consegnare le lettere riguardanti il rispetto delle norme antidoping disposte dalla Wada e quelle concernenti la competenza del Tas, Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna. Il Cio, darà una sua risposta entro il 29 agosto 2011.

Potrebbero interessarti anche