“Enel Contemporanea”, a Venezia vince Carsten Holler

holler-carouselL’opera “destabilizzante” “Double Carousel with Zollner Stripes” verrà esposta anche al Macro di Roma

 

ROMA – Il sodalizio di Enel con l’arte contemporanea quest’anno si celebra a Venezia all’ombra del leone di San Marco. Enel è infatti main sponsor della 54ma Esposizione internazionale d’arte dove ieri ha presentato, in concomitanza con la vernice della Biennale, il vincitore dell’edizione 2011 di Enel Contemporanea Award.

Il doppio appuntamento veneziano conferma la scelta compiuta anni fa da Enel che, in Italia come nei 40 Paesi del mondo nei quali è presente, ha deciso di sposare in particolare il linguaggio dell’arte contemporanea per la sua capacità di esprimere e trasmettere i valori di innovazione, attenzione all’ambiente e internazionalità. Queste le direttrici fondamentali su cui si gioca la sfida di un futuro sostenibile e che in questo momento ben rappresentano il percorso di sviluppo di un’azienda come Enel.

Dopo la “Casa delle farfalle” del duo olandese Bik Van der Pol, che a dicembre 2010 ha inaugurato i nuovi spazi del MACRO – Museo d’Arte Contemporanea di Roma, quest’anno la giuria di esperti ha scelto di premiare Carsten Holler con l’opera “Double Carousel with Zollner Stripes”, che sarà donata ed esposta in autunno al Macro di Roma. Negli spazi della sala il pubblico può interagire con due giostre in movimento ideate dall’artista che, muovendosi a velocità molto ridotta in senso opposto, consentono al visitatore di salire e scendere liberamente come fossero enormi mulini o macine in cui le persone si avvicinano e si allontanano in un moto costante. Tutto intorno, linee visive dalle trame apparentemente incrociate che creano un effetto destabilizzante in un’esperienza che distorce la percezione dello spazio generando una visione rallentata della realtà stessa.

Tra gli altri artisti anche l’italiana Paola Vivi e il canadese Bruce Mau. A comporre la giuria, presieduta da Gianluca Comin, direttore Relazioni esterne di Enel, i rappresentanti di alcune fra le più prestigiose istituzioni artistiche internazionali: Joseph Backstein, commissioner della Biennale d’Arte Contemporanea di Mosca, Luca Massimo Barbero, direttore del MACRO di Roma, Iwona Blazwick, direttrice della Whitechapel Gallery di Londra), Massimiliano Gioni, direttore Artistico della Fondazione Nicola Trussardi di Milano, Ivo Mesquita, chief commissioner della Pinacoteca Nazionale di San Paolo del Brasile, e Jack Persekian, direttore della Al-Ma’mal Foundation for Contemporary Art di Gerusalemme.

Potrebbero interessarti anche