L’Arma dei Carabinieri compie 197 anni, celebrazioni in tutta Italia

carabinieri-cavalloIl bilancio dell’attività del 2010: oltre 92mila arresti, 379mila denunce ma anche tre militari deceduti in servizio

 

ROMA – Più di 379mila persone denunciate, oltre 92.500 arresti (di cui 65mila in flagranza), sette milioni di risposte al 112: sono alcuni dei dati più significativi del bilancio dell’attività operativa dei carabinieri, che oggi celebrano in tutta Italia il 197esimo anniversario della Fondazione dell’Arma.

Passando in rassegna i risultati dell’attività compiuta nell’ultimo anno non si può non partire dall’azione “particolarmente qualificata e incisiva”, si sottolinea da più parti, nei confronti del contrasto alla criminalità organizzata, che ha visto l’arresto di 1.131 persone per associazione mafiosa e la cattura di 13 latitanti pericolosi, oltre al sequestro e alla confisca di patrimoni illeciti per un valore complessivo di oltre 4 miliardi di euro.

“Lusinghieri” anche i risultati conseguiti dal Ros sul versante del contrasto al terrorismo e alla criminalità organizzata, ma in primo piano resta l’attività delle 4.670 stazioni e tenenze sparse in tutta Italia, che nel 2010 hanno ricevuto un milione 854.544 denunce, cioè il 69 per cento di quelle presentate a tutte le forze di polizia.

Continuando a passare in rassegna i risultati, nel 2010 sono stati svolti 167.827 servizi preventivi, oltre 5.898 missioni di volo degli elicotteri dei 15 nuclei presenti sul territorio nazionale e 90.858 ore di navigazione delle motovedette che hanno consentito, tra l’altro, il soccorso di 214 imbarcazioni e 1.171 persone in difficoltà.

Nel corso dello scorso anno i carabinieri sciatori e rocciatori hanno assicurato 20.038 servizi mentre i subacquei hanno effettuato 751 interventi di soccorso e polizia giudiziaria. Sul fronte delle investigazioni scientifiche gli specialisti del Racis e dei Ris e Sis hanno portato a termine 18.033 accertamenti. Intenso anche l’impegno dei carabinieri nel contrasto al lavoro irregolare, con il Comparto Tutela del Lavoro che ha eseguito 22.221 ispezioni, 205 arresti e 1.346 denunce. Effettuate oltre 57mila ispezioni nell’altrettanto delicato Comparto della Contraffazione alimentare e dei farmaci, rilevando circa 35mila irregolarità e arrestando 207 persone.

Ancora, i carabinieri del Comando per la Tutela dell’Ambiente hanno effettuato 3.642 controlli, 110 arresti e 2.420 deferimenti. Nel settore della protezione delle opere d’arte il Comando per la Tutela del Patrimonio culturale ha recuperato oltre 83mila pezzi trafugati, mentre nel campo del contrasto al falso numario il Comando Antifalsificazione monetaria ha eseguito 625 arresti e denunciato 546 persone, sequestrando tra l’altro banconote false per un valore di 4,5 milioni.

Il Comando Politiche agricole e alimentari, inoltre, ha denunciato 374 persone e verificato contributi comunitari per oltre 21,2 milioni. Sul fronte internazionale, infine, nel 2010 sono stati 1.550 i carabinieri impegnati in operazioni di sostegno alla pace, dall’Iraq alla Bosnia, dal Kosovo alla Cisgiordania, dall’Afghanistan al Libano, dalla Georgia a Cipro al Congo, oltre i 473 militari impegnati alla tutela delle 127 sedi diplomatiche italiane nel mondo.

Ultimo dato: anche nel 2010, si legge nel consuntivo, “l’Arma ha pagato un alto tributo di sangue: 3 carabinieri sono caduti in servizio, 605 quelli feriti”.

Proprio questa sera alla presenza del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si tiene in piazza di Siena a Roma la cerimonia di celebrazione dell’anniversario che prevede lo schieramento di tre reggimenti di formazione rappresentativi di tutte le componenti dell’Arma, la consegna delle ricompense ai carabinieri che si sono maggiormente distinti nelle attività di servizio e del premio annuale a cinque comandanti di stazione. Quindi, lo storico carosello equestre da parte del quarto Reggimento carabinieri a cavallo per rievocare la Carica di Pastrengo del 1848.

Potrebbero interessarti anche