Poste, ancora disagi in alcuni uffici. Agcom: “Non è accettabile”

poste-chiuse-sliderDa giorni sistemi informatici in tilt per un problema dell’Ibm. Centinaia di cittadini rimasti senza pensione

 

ROMA – “Non è accettabile il perdurare dell’incredibile disservizio che sta ancora paralizzando gran parte del sistema informatico di Poste Italiane. Non è accettabile che tali problemi perdurino e che non vi sia una chiara disanima degli avvenimenti individuando le specifiche responsabilità”. Così aveva tuonato solo ieri l’Agcom per bocca del commissario Gianluigi Magri, secondo cui “nell’era della tecnologia e della comunicazione simili incredibili episodi mirano non solo la capacità di garantire un pubblico servizio, ma anche la credibilità di chi dovrebbe garantirlo”.

E oggi, a distanza di alcuni giorni dal verificarsi dei problemi, molti uffici postali lavorano ancora a singhiozzo. “L’operatività degli uffici postali è ormai prossima alla completa normalità dopo i problemi tecnici dei sistemi Ibm e Hp che in questi giorni hanno determinato rallentamenti della esecuzioni delle operazioni postali e finanziarie” aveva rassicurato ieri la società. Ma stamattina dalla Garbatella all’Ostiense, dalla Nomentana al Casilino la situazione è ancora difficile.

Un problema tecnico che sta creando disagi soprattutto ai molti anziani che continuano ad attendere le pensioni o a chi deve effettuare o ricevere pagamenti. Con l’incubo di dover pagare gli interessi per il mancato pagamento: oltre il danno anche la beffa.

Ieri a Roma, come in tante altre città d’Italia, centinaia di persone hanno affollato gli uffici postali inutilmente. “Il blocco era stato superato in un primo momento ma è tornato a verificarsi verso le 12” è l’unico dato che era trapelato, fino al tardo pomeriggio, dall’ufficio stampa del gruppo postale.

Gruppo che, dopo numerose denunce da parte di associazioni dei consumatori, ha annunciato di aver accolto la richiesta di aprire un tavolo di conciliazione finalizzato a risarcire gli utenti danneggiati: il meccanismo sarà analogo a quello avviato da Autostrade per l’Italia per indennizzare gli utenti bloccati dalle strade ghiacciate.

Potrebbero interessarti anche