Alemanno-ter: Belviso vice-sindaco e la Sensi assessore

sensi-alemanno-belvisoCutrufo fa un passo indietro mentre Alemanno non riesce nell’investitura della Sensi a numero 2

 

ROMA – Alla fine è prevalso il compromesso. Nella nuova giunta capitolina entra Rosella Sensi ma non da vicesindaco, come avrebbe voluto Gianni Alemanno. Sarà invece Sveva Belviso, titolare delle Politiche Sociali a ricoprire il ruolo di numero 2 dell’aula Giulio Cesare, al posto di Mauro Cutrufo, convinto a lasciare la poltrona solo dopo la diretta mediazione di Angelino Alfano.

In sostanza, per rispettare la sentenza del Tar sulle quote rosa, Alemanno aveva trovato un escamotage che non ha convinto la base romana del Pdl. Lo stop è arrivato da Luca Gramazio che si è duramente confrontato con Fabrizio Cicchitto, il capo dei deputati del Pdl. Nel pranzo di ieri, i colonnelli del partito avrebbero sostenuto la scelta di Alemanno su Rosella Sensi, ma il giovane leader dei consiglieri romani ha alzato i toni ribaltando le motivazioni dei vertici pidiellini, sostenendo che fosse ingiustificata la scelta della Sensi come vice del sindaco.

“La Sensi stava per entrare in lista con Veltroni, ha votato per Rutelli, la famiglia è di sinistra e noi la facciamo vicesindaco? Ma siete matti? Qui ci esplode tutto in mano”, sarebbero state le parole scandite da Gramazio, preoccupato per la tenuta della sua maggioranza.

Alemanno e Cicchitto avrebbero ceduto e il nuovo corso politico sarà realizzabile solo grazie all’intercessione del nuovo segreatrio nazionale, Alfano. Quest’ultimo ha infatti chiesto all’ex dc e senatore, Cutrufo, di fare un passo indietro, garantendogli il ruolo di delegato ai rapporti con gli enti locali, in attesa di una carica ben più importante. Non essendo soddisfatto della scelta del sindaco, l’ex vice ha preteso garanzie ai massimi livelli. Per questo è stato ricevuto al Ministero di Grazia e Giustizia da Alfano che ha anche concesso al fedelissimo di Cutrufo, Antonio Gazzellone, la delega al Turismo, dunque la responsabilità di un intero dipartimento.

Si è chiuso così il cerchio, al termine di cinque giorni di scontri nella maggioranza capitolina, dove nessuno degli undici assessori maschi avrebbe voluto lasciare la sua poltrona, dando prova dei giochi di forza delle varie componenti romane che animano il Pdl.

L’ex presidente della Roma, Rosella Sensi, sarà quindi il nuovo assessore alla promozione e allo sviluppo di Roma in vista della candidatura ai Giochi 2020, mentre la Belviso, pur rimanendo assessore alle Politiche Sociali, ottiene un prestigioso upgrading a vice-sindaco.

Potrebbero interessarti anche