13:19 | Estorsione a Berlusconi, l’inchiesta passa a Roma

L’inchiesta sulla presunta estorsione da parte di Giampaolo Tarantini ai danni del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi potrebbe essere trasferita da Napoli in un’altra sede per questioni di competenza. In particolare gli atti dovrebbero passare nei prossimi giorni alla procura di Roma. Sono gli stessi pm della procura partenopea a sollevare il problema, nella richiesta di misure cautelari rivolta al gip: risulta difficile capire dove siano avvenute – certo non a Napoli – le presunte donazioni del premier a Tarantini, arrestato stamattina nella sua casa di via Veneto insieme alla moglie Angela Devenuto. I due sono accusati di estorsione ai danni del premier e subito dopo l’arresto sono stati portati nel carcere napoletano di Poggioreale. Nell’abitazione romana Tarantini aveva trascorso alcuni mesi agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta della procura di Bari sulla detenzione e la cessione di droga per le feste nelle ville in Sardegna.

Potrebbero interessarti anche