Nuove nomine al Vicariato e alla diocesi

Monsignor_AndreattaTornata di nuovi parroci e vicari parrocchiali. Monsignor Andreatta è il nuovo direttore dell’Opera Pellegrinaggi

CITTA’ DEL VATICANO – Molte le nomine comunicate dal cardinale Agostino Vallini per il Vicariato e per la diocesi. Alcune già con decorrenza dall’estate, altre dal 1° settembre. Con l’approvazione del Santo Padre il cardinale ha nominato direttore del servizio diocesano per le Vocazioni don Fabio Rosini.

Risale invece all’11 luglio scorso l’incarico di monsignor Liberio Andreatta a direttore dell’ufficio per l’edilizia di culto, a direttore dell’Opera romana Pellegrinaggi e a responsabile della sezione arte sacra e beni culturali. Monsignor Liberio Andreatta, 62 anni, veneto del Grappa, è stato per anni il dinamico amministratore delegato dell´Opera Pellegrinaggi durante la presidenza del cardinal Camillo Ruini.  L’Opera non è un´organizzazione qualsiasi. È il braccio operativo del vicariato di Roma e quindi del Vaticano. È bandiera della presenza della Chiesa di Roma nel mondo.

Basta quindi dare uno sguardo ai suoi biglietti da visita per capire perché il Vaticano su di lui faccia completo affidamento. Oltre ad aver gestito per anni il grande business del turismo religioso outgoing, è stato amministratore delegato della “Peregrinatio ad Petri sedem” (turismo incoming), presidente amministratore unico della “Quo vadis” viaggi e turismo srl (rete di agenzie sul territorio) e segretario generale dello Spi che coordina le associazioni diocesane. Monsignore, come lo chiamano tutti, possiede quindi le chiavi giuste per controllare il grande business del turismo religioso cattolico.

Dal 1° settembre, poi, il nuovo direttore dell’ufficio liturgico diocesano è il carmelitano padre Giuseppe Midili. Per quanto riguarda i parroci di nuova nomina e al nuovo incarico monsignor Carmine Brienza è la nuova guida della comunità di S. Francesca Romana, padre Vicente Sanz Tobes del S. Cuore Immacolato di Maria ai Parioli, padre Giuseppe Magodi della comunità dei Santi Antonio e Annibale Maria, monsignor Marco Gandolfo di S. Giovanni Maria Vianney, don Salvatore Cernuto della SS. Trinità a Lunghezza, don Antonio Pompili di S. Martino I Papa, don Alessandro Pellegrini di S. Giuseppe Moscati, don Francesco Galluzzo di S. Lino, don Marco Felini di S. Maria Assunta e S. Michele a Castel Romano, don Rocco Massimiliano Caliandro di S. Edith Stein, don Maurizio Bartolucci di Sant’Agapito, don Carlo Purgatorio di S. Lorenzo in Damaso, don Stefano Ranfi di S. Tarcisio, don Antonio Panfili di S. Ireneo a Centocelle, monsignor Paolo Aiello di S. Galla, don Paolo Pizzuti di S. Giuseppe da Copertino, don Mauro Manganozzi di Nostra Signora di Lourdes a Tor Marancia, don Massimiliano Barisione di S. Romualdo Abate, don Michele Pepe di S. Carlo Borromeo, padre Rafal Gadek di Santi Ottavio e Compagni Martiri, padre Giuseppe Basile di S. Maria del Carmelo, don Cristian Prestianni di S. Felicita e Figli Martiri.

Trenta i vicari parrocchiali che si avvicendano in altrettante comunità della diocesi. Padre Giuseppe Ferdinandi va a Santa Maria della Salute, padre Giuseppe Neri a S. Achille, padre Jalal Gebbo Yako e padre Giuseppe Ciutti ai Santi Antonio e Annibale Maria, don Luciano Chagas Costa a S. Maria della Fiducia, don Luigi Consoli e don Pasquale Dello Iacovo alla SS. Annunziata a via Ardeatina, don José Fidel Medina Salinas a S. Carlo Borromeo, don Jolly Nellanattu a S. Ambrogio, don Domenico Vitulli a S. Timoteo, don Andrea Cavallini a S. Saturnino, don Alfonso Tabolacci ai Santi Fabiano e Venanzio, don Marco Valentini a S. Andrea Avellino, don Ivin Sagayaraj Arokiasamy a Nostra Signora di Bonaria, don Leonardo Emmi a S. Basilio, don Cesar Gustavo Fonseca Avila a Nostra Signora di Guadalupe, don Alessandro Pugiotto a S. Giuliano, don Federico Porrello ai Santi Simone e Giuda Taddeo a Torre Angela, don Andrea Dell’Acquaa S. Frumenzio, don Stefano Charles Cascio a S. Giovanni Battista de’ Rossi, don Massimiliano Testi a S. Cipriano, don Patricio Jorge Campos Rios e don Luca Centurioni a S. Maria del Divino Amore a Castel di Leva, don Massimiliano Memma a Gesù Divino Lavoratore, don John Jairo Betancur Gomez a S. Maria della Fiducia, don Mauro Savio Barisione ai Santi Mario e Compagni Martiri, don Mauro De Paoli a S. Bernardo da Chiaravalle, don Mauro Romano a Nostra Signora del Suffragio e S. Agostino di Canterbury, don Paolo Salvini a S. Fulgenzio, don Pietro Guerini a S. Giustino.

Nuovo incarico anche per don Massimo De Propriis vicario cooperatore a Santa Francesca Romana, e per altri cinque sacerdoti come collaboratori parrocchiali: padre Riccardo Pignatelli ai Santi Antonio e Annibale Maria, don Isidoro Del Lungo a S. Maria Madre della Misericordia, don Giuseppe Iuculano a S. Luca Evangelista, don Maurizio Mirilli ai Santi Fabiano e Venanzio, don Wycliffe Clement Karathi (sacerdote studente) a S. Emerenziana.

Novità anche nelle chiese rettorie con quattro nomine di rettori: don Antonio Mario Grande a Santa Maria Addolorata in piazza Buenos Aires, don François Bandet a S. Benedetto in Piscinula, don Walter Insero a S. Maria in Montesanto, don François Bousquet a S. Luigi dei Francesi.

Infine sono due i cambiamenti che riguardano le cappellanie ospedaliere con don Riccardo Petroni chiamato a svolgere il suo ministero sacerdotale nella casa di cura Fabia Mater e padre Loreto Fioravanti al Policlinico Agostino Gemelli.

Potrebbero interessarti anche