Cdp, Tamagnini nominato Ad del Fondo Strategico

TamagniniPrimo Cda della holding creata a luglio scorso dalla Cassa Depositi e Prestiti. Presidente è Gorno Tempini

MILANO – Il Cda di Fondo strategico italiano (Fsi), la società creata dalla Cassa Depositi e Prestiti, ha designato Maurizio Tamagnini quale amministratore delegato della holding. Ieri infatti si è riunito a Milano, sotto la presidenza di Giovanni Gorno Tempini, il Consiglio di amministrazione, composto da Rosalba Casiraghi, Alessandro Pansa, Maurizio Tamagnini ed Elena Zambon. Fsi è stata lanciata a luglio scorso dalla Cassa depositi e prestiti e da lei stessa controllata per il 90%, cui partecipa anche Fintecna con il10%.

Fsi è stata lanciata a luglio scorso da Cassa depositi e prestiti che ne è l’azionista di riferimento. Con il suo 90 per centro la Cassa ha investito nella nuova holding con 4 miliardi di euro. Grazie all’ingresso di altri soci – enti pubblici, fondazioni di origine bancaria, assicurazioni, banche, casse previdenziali e altri investitori istituzionali, anche esteri – la dimensione del Fondo si attesterà a circa 7 miliardi di euro. Primo partner pubblico ad entrare nel nuovo strumento finanziario Fintecna con un 10 per cento.

Obiettivo del Fsi è lo sviluppo del sistema economico italiano mediante la crescita dimensionale e competitiva, il miglioramento dell’efficienza operativa delle imprese di rilevante interesse nazionale. Fsi opera acquisendo quote – generalmente di minoranza – di imprese di “rilevante interesse nazionale” che siano in equilibrio economico-finanziario e abbiano adeguate prospettive di redditività e significative prospettive di sviluppo.

Tamagnini, nella sua lunga carriera in Merrill Lynch ha maturato oltre venti anni di esperienza nel settore finanziario, gestendo oltre cento operazioni di M&A, debito ed equity per clienti Europei, nonché ricoprendo diverse posizioni.

Potrebbero interessarti anche