Polillo è il nuovo presidente di Confindustria Cultura

polilloUn comparto che conta circa 300mila addetti per 17mila imprese e un fatturato annuo di 16 miliardi di euro

ROMA – Marco Polillo, presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE), nonché patron della Polillo Editore, è il nuovo presidente di Confindustria Cultura Italia, il sistema federativo delle Associazioni di Confindustria delle imprese editoriali, discografiche, multimediali, dei videogiochi, televisive, dell’intrattenimento audiovisivo e dal vivo, nonché delle imprese distributrici di tali beni e servizi parte del sistema Confindustria. Un comparto che conta circa 300mila addetti per 17mila imprese e un fatturato annuo di 16 miliardi di euro, e che riunisce in una sola realtà oltre ad Aie (editoria) anche Aesvi (videogiochi), Afi (fonografici), Agis (spettacolo), Anes (stampa periodica specializzata), Anica (cinema e audiovisivo), Apt (produttori televisivi), Fem (editoria musicale), Fimi (discografici), Pmi (produttori musicali indipendenti) e Univideo (home video).

Marco Polillo è stato eletto dall’assemblea dei soci per il prossimo triennio. Subentra a Paolo Ferrari (Anica), giunto alla scadenza del suo mandato: “Ringrazio il presidente Ferrari – ha sottolineato Polillo – per il prezioso contributo dato. La Federazione, che sono onorato di presiedere, costituisce uno strumento fondamentale per rafforzare l’industria culturale nel suo complesso all’interno delle logiche produttive e di sviluppo del nostro Paese. E in questa direzione lavoreremo, a partire dalla difesa del diritto d’autore e della grande attenzione al settore dei contenuti”.

Obiettivo principale di CCI è infatti la tutela dei diritti e degli interessi collettivi degli associati sul piano nazionale, comunitario ed internazionale, la lotta alla pirateria audiovisiva, discografica, editoriale e multimediale in ogni sua modalità di espressione.Tre i vice presidenti eletti: Fabiano Fabiani (Apt), Filippo Sugar (Fem) e Riccardo Tozzi (Anica).

Potrebbero interessarti anche