In Regione la saga delle nomine impugnabili

polverini-triste-slider Incarichi politici e mancanza dei requisiti mettono a rischio l’operatività degli organismi regionali

 

ROMA – Le nomine mandano in tilt la Regione Lazio. Pochi giorni fa il presidente della Pisana, Mario Abbruzzese, ha firmato i decreti per i consigli di amministrazione di Ater (il vecchio istituto delle case popolari) e Arsial (l’agenzia per lo sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura), ma alcuni membri designati sono risultati incompatibili in quanto già ricoprono ruoli in enti locali dello stesso territorio. Non solo. Tra i nomi ci sono funzionari e addetti di staff dei consiglieri privi dei requisiti richiesti per quegli incarichi. Una «marmellata» indigeribile per tanti, soprattutto per quelli rimasti fuori dal giro di poltrone.

Nel cda dell’Arsial sono stati scelti Enrico Tiero, «casualmente» assessore all’Agricoltura della Provincia di Latina (incompatibile), Rosalba Tombesi, ex capo della segreteria del consigliere Udc Rodolfo Gigli, Alberto Pascucci (La Destra), Enzo De Santis, sindaco di Ponzano Romano (incompatibile), Mauro Buschini, segretario provinciale del Pd di Frosinone, e Carlo Pontesilli. Stessa musica all’Ater. In quella di Roma sono stati nominati nel cda il consigliere provinciale e vicecapogruppo del Pdl Enrico Folgori, dunque incompatibile, Clemente Panza, Gioacchino Ferdinandi, il funzionario Roberto Iosue, Stefano Zuppello, ex assessore in Quarto Municipio, e Maria Teresa Altario. Nel cda Ater della provincia di Roma, invece, compaiono Giorgio Tamborra, Stefano Sassano, presidente del Consiglio comunale di Guidonia (anche lui incompatibile), Leandro De Santis (La Destra), la funzionaria Antonella Ripa, l’ex assessore provinciale Piero Ambrosi e Oscar Tortosa (Italia dei Valori). Nei prossimi giorni ci sarà la resa dei conti. Dopo la bocciatura da parte del Tar delle nomine dei direttori regionali firmate dalla governatrice Polverini, s’accendono dunque nuove tensioni.

Per quanto riguarda i presidenti delle stesse Ater del Lazio, la ex sindacalista dell’Ugl ha firmato i relativi decreti di nomina. A quella del Comune di Roma l’attuale commissario, ex consigliere Pdl, Bruno Prestagiovanni. All’Ater della provincia di Roma Massimo Cacciotti (Pdl). A quelle di Frosinone e Latina sono stati scelti come presidenti, rispettivamente, due fedelissimi della Polverini: Enzo di Stefano e Gianfranco Sciscione. A Rieti è stato confermato l’attuale commissario, Mauro Lattanzi (Udc), mentre a Civitavecchia è stato nominato Ugo Vinaccia (Udc). A Viterbo, infine, il nuovo presidente è Gabriella Grassini (Pdl).

Potrebbero interessarti anche