Credito alle Pmi, arriva l’accordo Bnl-Confindustria

5_maniAgevolazioni alle aziende che si mettono in rete. Abete e Marcegaglia: “Strumento la crescita”

ROMA – Bnl e Confindustria hanno firmato un accordo per aiutare le imprese nell’accesso al credito. L’intesa, formalizzata dai presidenti Luigi Abete ed Emma Marcegaglia, ha l’obiettivo di premiare quelle aziende che si mettono in rete con forme di credito alternative a loro dedicate.

Le imprese che si uniscono in una rete sono, cioè, considerate più competitive e per questo meritevoli di ottenere maggiore attenzione da parte della banca in un periodo critico come quello attuale di profonda crisi economica. Quattro i punti dell’offerta: la banca sostiene i progetti di sviluppo con importo fino a due volte le risorse destinate alla realizzazione, fino a un massimo di 3 milioni di euro; riduzione dello spread dal 15 al 30%; progetto edu-care per la promozione dello strumento della rete e sostegno per l’internazionalizzazione. Entità dell’investimento e qualità del progetto sono i criteri premianti..

Soddisfazione è stata espressa da entrambe le parti firmatarie dell’accordo. Emma Marcegaglia ha parlato di “un’intesa importante: per tante imprese abbiamo il problema della dimensione, uno strumento per superare tale impasse è proprio promuovere la creazione delle reti che permettono alle aziende di collaborare su progetti specifici”. Per Abete “il documento sottoscritto oggi è il risultato di un lavoro di analisi e approfondimento sull’utilità di muoversi in certi mercati e quindi è un lavoro fatto nella quotidianità”.

La risposta degli imprenditori c’è stata: in poco tempo sono state create 127 reti da 644 aziende, e l’obiettivo di Confindustria è di arrivare ad almeno 200 entro la fine di questo mandato.

Potrebbero interessarti anche