Nuovi ambasciatori in giro per il mondo

piazzale-farnesina-sliderD’Alessandro è il nuovo ambasciatore in Croazia, Levi Sandri in Nuova Zelanda e Zuppetti in Svizzera

ROMA – Nuova tornata di nomine alla Farnesina. Emanuela D’Alessandro è stata nominata neo Ambasciatore italiano a Zagabria, in Croazia, Alessandro Levi Sandri sarà invece il nuovo Ambasciatore a Wellington, capitale della Nuova Zelanda, mentre il direttore generale per gli Italiani all’estero e le politiche migratorie Carla Zuppetti è stata designata Ambasciatore d’Italia a Berna, in attesa del gradimento da parte del governo elvetico.

“Mi aspetta un lavoro entusiasmante. La Croazia è un paese che amo moltissimo, che si trova in un’area molto importante e con cui l’Italia ha ottimi rapporti”. Così Emanuela D’Alessandro, neo ambasciatore a Zagabria, commenta la sua nomina, che avviene in un momento di “massimo interesse”. La Croazia, infatti, dal primo luglio 2013 dovrebbe entrare a far parte dell’Unione europea.

Romana di origine, D’Alessandro entra in carriera diplomatica nel 1987 e, dopo una prima esperienza professionale alla direzione generale del Personale, presta servizio prima a Budapest, presso l’Ambasciata d’Italia, e successivamente a Vienna. Nella capitale austriaca, lavora sia presso l’OSCE che presso la nostra Rappresentanza all’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa. Nel 2001, durante la presidenza italiana del G8, assume un importante incarico presso la presidenza del Consiglio dei Ministri e, dopo un periodo alla direzione generale del Personale, viene nominata direttore dell’Istituto Diplomatico, incarico che ricopre dal 2008.

“La mia priorità – spiega il neo ambasciatore – sarà quella di rafforzare ancora di più i rapporti commerciali, la presenza delle nostre aziende e intensificare i rapporti culturali e le relazioni bilaterali, in vista anche della formazione della macro regione adriatico ionica”. D’Alessandro ha poi ricordato l’incontro a Pola, a settembre, tra il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e il suo omologo, Ivo Josipovi. “Pola ha rappresentato un ulteriore tassello della collaborazione fra i due paesi, un momento di svolta. Anche i problemi seri esistenti sono destinati a essere risolti perché esiste una comunanza di vedute e di intese, all’insegna dello spirito di Trieste e di Pola”.

Levi Sandri prenderà invece presto incarico a Wellington, in Nuova Zelanda. La sua carriera diplomatica comincia nel 1978. Il suo primo incarico è alla direzione generale dell’Emigrazione, tema di cui si occuperà poco dopo all’Ambasciata a Berna. Successivamente viene trasferito all’Ambasciata a Belgrado come responsabile della politica interna e stampa. Nel 1992 è consigliere commerciale ad Atene e a partire dal 1997 si occupa di cooperazione allo sviluppo alla Farnesina. Consigliere diplomatico del ministro delle Politiche agricole nel 1999, diventa poi vice-direttore dell’Istituto diplomatico. Nel 2010, alle dirette dipendenze del direttore generale per l’Unione Europea, è coordinatore per le commissioni intergovernative dell’Arco Alpino, e per le questioni relative alle minoranze italiane in Istria e Dalmazia e gli esuli. È ministro Plenipotenziario dal 2011.

Infine Carla Zuppetti, stimatissimo direttore generale per gli Italiani all’estero e le politiche migratorie è stata nominata nuovo Ambasciatore d’Italia a Berna. Zuppetti si è infatti distinta alla Dgiepm per il lavoro svolto in condizioni non facili, anzi, piuttosto complesse in un periodo che si é rivelato tra i più delicati e difficili per le politiche rivolte agli italiani che vivono nel mondo.

Potrebbero interessarti anche