15 ottobre, il corteo che non c’è stato. Fotoracconto esclusivo

indignati-slogan-SLIDERRomacapitale.net ha raccolto le immagini più belle del corteo che avrebbe dovuto sfilare per le strade di Roma

ROMA – Il 15 ottobre di Roma doveva essere un giorno come quello di Madrid, New York, Montreal, Tokyo e centinaia di città del mondo: una vetrina del disagio e delle idee di migliaia di persone “indignate” di fronte alla crisi globale e alle contromisure – reputate insufficienti – poste in essere dai governi. Avrebbe dovuto essere la manifestazione dei giovani contro la precarietà del proprio futuro, degli anziani e dei disabili contro i tagli all’assistenza sociale, delle famiglie contro il crollo dell’economia reale a causa della speculazione finanziaria. Avrebbe dovuto. E per una manciata di minuti è stato così. Finché una banda di teppisti armati di sampietrini e sentimenti egoistici è riuscita a trasformare tutto in un incubo.  

Romacapitale.net ha raccolto alcune delle immagini più belle e colorate del corteo prima del misfatto, affinché gli atti vandalici di una minoranza non riescano ad oscurare completamente il messaggio di una maggioranza – quel 99% – che sabato voleva esprimersi in democrazia.

 

Fotoracconto della manifestazione (di Roberta Casa)

{gallery}fotogallery/15ottobre_manifestazione{/gallery}

SPECIALE 15 OTTOBRE | Dalla manifestazione alla devastazione

Tutti i servizi di Romacapitale.net in uno speciale dedicato alla manifestazione Euromediterranea di sabato 15 ottobre. Dall’occupazione del Palazzo delle Esposizioni alla preparazione del corteo, fino alla furia di un gruppo di teppisti incappucciati che ha voluto rubare la scena agli Indignati. Le polemiche del “day after”

Potrebbero interessarti anche