Bnl si trasferisce alla stazione Tiburtina

stazione-tiburtinaCon un investimento da 300 milioni, il gruppo acquista da Ferrovie dello Stato un terreno per la nuova dg

ROMA – Bnl Gruppo Bnp Paribas, cambia sede e si trasferisce presso l’area della nuova stazione Tiburtina a Roma dedicata dalle Ferrovie dello Stato all’Alta velocità.

Il progetto del nuovo centro direzionale della banca, nel quartiere Pietralata nel V Municipio, verrà realizzato entro dicembre del 2014 e prevede un investimento complessivo di circa 300 milioni di euro. L’operazione è stata presentata oggi dal presidente e dall’amministratore delegato di Bnl, Luigi Abete e Fabio Gallia, dall’amministratore delegato di Bnp Re Italia, Cesare Ferrero e dall’amministratore delegato di Ferrovie, Mauro Moretti.

Per la nuova sede, Bnp Paribas Real estate si è aggiudicata per circa 73 milioni una gara bandita da Ferservizi (gruppo FS Italiane) con il contributo di FS Sistemi Urbani, la società impegnata nella valorizzazione del patrimonio immobiliare di FS non più funzionale all’esercizio ferroviario. Le aree ubicate nel comparto della nuova stazione Tiburtina, di proprietà di Rete Ferroviaria Italiana. Nelle aree di proprietà di Rete Ferroviaria Italiana, la nuova struttura sarà in grado di ospitare fino a 3.800 postazioni di lavoro e sarà realizzata su una superficie complessiva di 67 mila mq, di cui 20 interrati e 47 mila esterni.

“Questo importante progetto – ha commentato l’amministratore delegato di Bnl, Fabio Gallia – testimonia l’impegno di lungo periodo di Bnp paribas in Italia e il ruolo centrale del nostro paese per il gruppo. Un’iniziativa con la quale Bnl rafforza il proprio legame con la città di Roma, contribuendo alla sua crescita attraverso investimenti significativi nello sviluppo delle infrastrutture. Funzionalità, sostenibilità ambientale e innovazione sono gli elementi chiave del progetto della nuova sede di Tiburtina, un edificio ideato per offrire ai nostri dipendenti spazi confortevoli di ultima generazione e fornire loro una serie di servizi per migliorare la qualità del proprio ambiente di lavoro”.

“L’investimento – ha affermato il presidente di Bnl, Luigi Abete riferendosi alle polemiche sorte all’epoca dell’acquisizione della banca da parte del gruppo Bnp Paribas – dimostra che tutti quei discorsi fanno parte di una realtà che non esiste. Bnp Paribas – ha aggiunto Abete – ha investito parecchi miliardi per acquisire Bnl, centinaia prosegue ad investirli in Italia consentendo a Bnl di dotarsi di una sede adeguata. Per Bnl – ha poi concluso Abete – essere vicino alla nuova stazione di Tiburtina per l’Alta velocità, che io chiamo la ‘metropolitana d’Italia’ significa aver acquisito una centralità strutturale”.

Primo_lotto_della_Tiburtina_venduto

“La cessione a Bnl delle aree adiacenti alla nuova stazione Fs per l’Alta velocità di Tiburtina vanno ad autofinanziare la prima tranche dei lavori dell’opera”. Lo ha detto l’amministratore delegato delle Fs, Mauro Moretti, durante la conferenza stampa di presentazione dell’operazione con Bnl. “L’operazione annunciata oggi, ha spiegato Moretti riguarda un primo grande pilastro, abbiamo ancora 2/3 da vendere”. Il lotto venduto è infatti parte di un’area di 92 ettari, che per due terzi è di proprietà di Ferrovie dello Stato e per un terzo di Roma Capitale. Un ampio spazio che sarà completamente trasformato, determinando un processo di valorizzazione dei quartieri Nomentano e Pietralata, con notevoli benefici in termini di trasporto e ambiente.

Il valore complessivo per la realizzazione della nuova stazione è di circa 155 milioni, mentre, ha aggiunto Moretti, “il valore del terreno (ceduto a Bnl, ndr) a registro è di 73,2 milioni e riusciamo a ripagarci il 50% della stazione Tiburtina”.

La nuova stazione AV e gli interventi di edilizia privata sono inseriti in un contesto territoriale di nuove aree a verde per oltre 10 ettari, attrezzate con servizi culturali, sociali, sportivi e ricreativi. Le superfici sono parti integranti di un nodo infrastrutturale di importanza strategica per la città grazie all’interscambio modale a livello urbano, regionale, nazionale ed internazionale: da un lato la nuova stazione AV di Roma Tiburtina, che sarà inaugurata a fine novembre 2011, dall’altro la Nuova Circonvallazione Interna. L’arteria stradale, progettata e costruita da Rete Ferroviaria Italiana per conto di Roma Capitale, nell’ambito del nuovo assetto urbanistico di Roma Tiburtina, collegherà, tra l’altro, Batteria Nomentana all’autostrada A24, rivoluzionando il sistema viario del quadrante Est.

Il Piano di promozione edilizia di Fs Italiane, nell’ambito del Piano urbanistico di Roma Capitale proseguirà con la vendita dei restanti 110 mila mq di capacità edificatoria suddivisi in cinque lotti. Sul fronte Piazza Bologna sono previsti interventi per edilizia con destinazione direzionale, commerciale e alberghiera, mentre sul fronte Pietralata saranno realizzati anche interventi per edilizia culturale, ricreativa e sportiva, oltre a direzionale e commerciale.

Potrebbero interessarti anche