Sciopero dei benzinai, elenco dei distributori aperti in tutta Italia

benzina-confronto-prezzi-in-autostrada-Content_benzina_03_s172973Oltre 460 erogatori resteranno aperti lungo la rete autostradale nazionale, nonostante lo stop dall’8 al 10 novembre. Il dettaglio del Lazio

ROMA – In relazione all’annunciato sciopero generale dei benzinai proclamato dalle organizzazioni di categoria che prevede la chiusura degli impianti di rifornimento carburanti dal tardo pomeriggio di domani 8 novembre sino alle prime ore di venerdì 11 novembre (con orari differenti sulla rete ordinaria e autostradale), si comunica che in base al Documento della Conferenza delle Regioni del 3 marzo 2011, sono stati individuati, tra i 462 distributori presenti complessivamente lungo i 6.600 km della rete autostradale nazionale, quelli che garantiranno comunque il rifornimento all’utenza in transito.

Nel rispetto dei criteri individuati dal Documento, finalizzato a rendere compatibile il diritto di sciopero con la libertà di circolazione, l’apertura in autostrada sarà infatti assicurata in misura non inferiore ad 1 impianto ogni 100 chilometri. Lo sciopero non interesserà i distributori delle regioni Toscana e Liguria, per poter garantire la regolarità delle attività di soccorso e ripristino dopo l’emergenza maltempo dei giorni scorsi. Viabilità Italia monitorerà le condizioni della circolazione e gli eventuali riflessi che lo sciopero, qualora confermato, dovesse arrecare alla mobilità nazionale.

Si invita l’utenza a prendere visione del documento reperibile sul sito della Conferenza delle Regioni e a mantenersi costantemente aggiornati sulla situazione del traffico chiamando il numero gratuito 1518 del Cciss, ascoltando le trasmissioni di Isoradio ed i notiziari di Onda Verde (su Radio 1, 2 e 3), consultando il sito web e mobile.cciss.it da smartphone e palmari, ed utilizzando la nuova applicazione gratuita iCciss per iPhone.

 

I distributori aperti nel Lazio

distributori_lazio

 

 

 

 

 

Leggi anche:

Benzina, sarà tolta l’accisa per la guerra in Libia? (7 novembre 2011)

Potrebbero interessarti anche