17:25 | Chiesto a gran voce il ripristino della fermata dei bus davanti Palazzo Grazioli

Immediata, poco dopo le dimissioni del Cavaliere, la richiesta di ripristino della fermata 70040, antistante la residenza pubblico-privata di Palazzo Grazioli dell’ex premier Berlusconi. La richiesta è arrivata sia da parte delle associazioni degli utenti, in primis l’Associazione dei Pedoni e l’ORT, che dal Cesmot (Centro Studi sulla Mobilità e trasporti).

Come è noto la fermata in questione, che si integrava perfettamente con la vicina fermata di piazza Venezia, fu soppressa nel dicembre 2009, su disposizione prefettizia, per problemi di sicurezza, creando però al contempo notevoli disagi agli utenti del trasporto pubblico a causa della notevole distanza tra le fermate di Piazza Venezia e Largo Argentina.

Anche alcuni consiglieri comunali di Roma Capitale hanno avanzato sia all’assessore alla mobilità capitolina Aurigemma che al sindaco di Roma Alemanno analoga richiesta, ma la competenza è appunto del prefetto di Roma che abolì la fermata per evitare assembramenti dinanzi a quella che, informalmente, è stata la sede del passato governo e non solo.

“Questi cambiamenti – sottolinea il Cesmot in una nota – consentono di rivisitare integralmente il progetto del prolungamento del tram 8 verso la Stazione Termini, con l’abolizione del passaggio per via delle Botteghe Oscure con attestazione di un nuovo capolinea del tram nei pressi di Piazza Venezia”, cosa annunciata più di un anno fa con referendum via web, dall’allora assessore capitolino Marchi poi travolto dalle vicende della Parentopoli Atac, ma a tutt’oggi il cantiere non è ancora stato avviato, nonostante i ripetuti annunci della giunta Alemanno.

“Il tram su via del Plebiscito – conclude il Cesmot – oltre a rappresentare la naturale prosecuzione verso Termini, migliorerebbe l’interscambio con le altre linee bus e la prossima fermata della metro C a piazza Venezia. Si riprenda ad investire seriamente sul tram riattivando linee, sostituite con bus da troppo tempo, come il 3 tra Valle Giulia e Trastevere, e realizzando nuove linee capaci di essere integrazione e complemento della rete metropolitana. Un sistema a maglia innovativo e moderno che permetterebbe un nuovo slancio verso una mobilità dolce, ecologica, rapida e capillare, unica soluzione contro smog e traffico”.

Potrebbero interessarti anche