Pensioni, le aliquote “ingiuste”: 33% ai dipendenti, 8% ai deputati

elsa-fornero-largeLa questione nelle mani di Elsa Fornero, economista di fama mondiale. Obiettivo: più ai giovani e meno alla casta

ROMA – E’ senza dubbio la questione sulle pensioni uno dei punti chiave su cui si misurerà il governo di Mario Monti. La “patata bollente” è finita nelle mani della torinese Elsa Fornero, da tutti acclamata come una delle maggiori esperte di riforme previdenziali, la quale ha subito chiarito la sua posizione: levare alla casta politica e alle categorie protette e restituire ai giovani, che hanno pagato il conto di tutte le riforme.

Ma la rimozione di antichi privilegi, l’equità generazionale e la realizzazione delle pari opportunità per donne e giovani, promesse da Monti nel suo discorso al Senato, sembrano ancora un lontano miraggio.

tabella_aliquota_contributiva

Basta guardare alle aliquote contributive attualmente in vigore. Se i lavoratori dipendenti e i giornalisti “mettono da parte” per la vecchiaia più di un terzo del loro reddito, la quota cala vertiginosamente se si tratta di artigiani e commercianti (il 20%), avvocati e architetti (tra il 12% e il 13%). Inutile dire che il record moralmente negativo ma in sostanza più vantaggioso è come al solito appannaggio della classe (o della casta) parlamentare: in barba a chi si vede falciare lo stipendio mensile del 30% per accantonamenti pensionistici, deputati e senatori versano appena l’8% e dopo cinque anni di legislatura incassano il vitalizio.

La lotta alla disparità annunciata dal presidente del Consiglio Mario Monti potrebbe cominciare proprio dalle aliquote contributive. Più che favorire l’equità bisognerà eliminare incomprensibili privilegi che favoriscono certe fasce sociali a palese discapito di altre. Quegli stessi vantaggi che il ministro Fornero ha definito il “regalo implicito” contenuto in tanti regimi. Seppure il nuovo governo avrà il coraggio delle riforme, come risponderà il Parlamento? La strada di Monti, insomma, sembra già un percorso tutto in salita.

 

(Federica Ionta)

Potrebbero interessarti anche