18:09 | Il ministero della Giustizia chiamato a comparire come responsabile civile della morte di un detenuto

Il ministero della Giustizia dovrà rispondere della morte di un detenuto. E’ la prima volta che accade.

Il dicastero di via Arenula è stato infatti citato a comparire come responsabile civile nel processo penale per il decesso di Simone La Penna, 32 anni, avvenuta il 26 novembre del 2009 nel carcere di Regina Coeli.

Lo ha deciso il giudice dell’udienza preliminare Nicola Di Grazia che oggi ha accolto la richiesta dei genitori e della convivente di La Penna assistiti dagli avvocati Sergio Maglio e Roberto Randazzo, nell’ambito del procedimento per omicidio colposo che vede imputati 3 medici che ebbero in cura l’uomo durante la detenzione.

Nella vicenda sono indagati il dirigente sanitario di Regina Coeli Andrea Franceschini e i medici Giuseppe Tizzano e Andrea Silvano, per i quali il pm Eugenio Albamonte ha chiesto il rinvio a giudizio.

Nel corso udienza preliminare davanti al gup i familiari della vittima hanno chiesto e ottenuto dal giudice di citare come responsabile civile il ministero di via Arenula che quindi, in caso di condanna, concorrerà al pagamento del risarcimento dei danni.

Il 26 gennaio prossimo si terrà una nuova udienza del procedimento e il ministero della Giustizia rappresentato dall’avvocatura dello Stato dovrà comparire davanti al gup.

Potrebbero interessarti anche