Cinque grandi big dell’energia lasciano Assoelettrica

energia-eolico-SLIDERSorgenia, Gdf Suez, Tirreno Power, EGL e Repower lasciano per disaccordo sui meccanismi di governance

ROMA – Dopo l’uscita della Fiat di Marchionne da Confindustria a inizio ottobre, stavolta al centro di un addio egualmente significativo c’è Assoelettrica, l’associazione aderente a Confindustria Energia, che perde cinque grandi produttori.

Sorgenia, Gdf Suez, Tirreno Power, EGL e Repower – come riporta Staffetta Quotidiana – hanno infatti annunciato che usciranno da Assoelettrica per disaccordo sui meccanismi di governance dell’associazione, che non le rappresenterebbero adeguatamente.

La rottura, spiegano fonti vicine alla questione, segue tensioni e malumori che erano nell’aria da un po’ di tempo. Da segnalare che una delle società esprime oggi il vicepresidente di Assoelettrica (l’a.d. di Sorgenia Massimo Orlandi).

Negli ultimi mesi, alcune delle “ammutinate” (in particolare EGL, Tirreno Power e la stessa Sorgenia) sono state in prima fila nel denunciare la situazione di sofferenza del settore termoelettrico – stretto tra consumi in calo, alti costi del combustibile e concorrenza delle rinnovabili -, che colpisce in modo particolare gli operatori che negli ultimi anni hanno investito in nuovi impianti e ora faticano a ripagarne i costi. Per il futuro le cinque società non escludono la creazione di un nuovo soggetto: “valutiamo tutte le possibilità”.

Assoelettrica, l’associazione aderente a Confindustria Energia, riunisce circa 120 imprese che operano nel libero mercato assicurando circa il 90 per cento dell’energia elettrica generata sul territorio nazionale.

Potrebbero interessarti anche