Targhe alterne: giovedì stop alle dispari, venerdì alle pari

smog500Gli orari e le zone del divieto di circolazione. La multa per i trasgressori è di 80 euro | LE CATEGORIE ESENTI

ROMA – Lo smog non dà tregua alla Capitale. Doppio stop di auto, moto e motorini nelle giornate di giovedì 1 e venerdì 2 dicembre. Si comincia con il divieto di circolazione per le targhe dispari: due e quattro ruote si fermeranno all’interno della fascia verde dalle 9 alle 13, e dalle 16 alle 21. Venerdì si replica con lo stop alle targhe pari, incluso lo zero, nella stessa fascia oraria.

La sanzione per chi viola il divieto di circolazione nelle ore delle targhe alterne è di 80 Euro. Alcune categorie, tra cui veicoli alimentati a gpl o euro 5, sono esentati dallo stop. Deroghe anche per le auto diplomatiche, troupe giornalistiche, comune di Roma e società sportive. Di seguito l’elenco completo.

Per scaricare la mappa della fascia verde clicca qui.

Sempre nelle giornate di giovedì 1 e venerdì 2 dicembre, infine, per il blocco dei veicoli più inquinanti all’interno della fascia verde, dalle 7,30 alle 20,30 non potranno circolare autoveicoli a benzina euro 0 ed euro 1, diesel euro 0, euro 1 ed euro 2, ciclomotori e motoveicoli a due, tre e quattro ruote a 2 e 4 tempi euro 0 e euro 1 e minicar diesel euro 0 ed euro1. In questo caso lo stop riguarderà sia le targhe pari che le dispari.

 

Dal divieto di circolazione sono esentate le seguenti categorie (fonte Agenzia della mobilità):

  • – veicoli a trazione elettrica e ibridi;
  • – veicoli alimentati a metano e a GPL;
  • – autoveicoli ad accensione comandata (benzina) EURO “5”;
  • – autoveicoli ad accensione spontanea (diesel) EURO “5”;
  • – motocicli a 4 Tempi EURO “3”;
  • – veicoli adibiti a servizio di polizia e sicurezza, emergenza anche sociale, ivi compreso il soccorso, anche stradale, e il trasporto salme;
  • – veicoli adibiti a servizi manutentivi di Pronto Intervento e pubblica utilità (come ad es. acqua, luce, gas, telefono, ascensori, impianti di sicurezza, impianti di regolazione del traffico, impianti ferroviari, impianti di riscaldamento e di climatizzazione) che risultino individuabili, o con adeguato contrassegno o con certificazione del datore di lavoro;
  • – veicoli adibiti al trasporto, smaltimento rifiuti e tutela igienico ambientale, alla gestione emergenziale del verde, alla Protezione civile e agli interventi di urgente ripristino del decoro urbano;
  • – autoveicoli per il trasporto collettivo pubblico e privato;
  • – taxi ed autovetture in servizio di noleggio con conducente, dotati di concessioni comunali;
  • – autoveicoli adibiti a car sharing, car pooling, servizi Piano Spostamenti Casa Lavoro (PSCL) attivati sulla base di appositi provvedimenti del Ministero dell’Ambiente e del Territorio e del Mare o dell’Amministrazione comunale di Roma;
  • – veicoli con targa C.D., S.C.V. e C.V.;
  • – veicoli muniti del contrassegno per persone invalide previsto dal D.P.R. 503 del 24 luglio 1996;
  • – autoveicoli impiegati dai medici e veterinari in visita domiciliare urgente, muniti del contrassegno rilasciato dal rispettivo Ordine; autoveicoli impiegati da paramedici in servizio di assistenza domiciliare con attestazione rilasciata dalla struttura pubblica o privata di appartenenza;
  • – autoveicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili o trattamenti sanitari per la cura di malattie gravi, in grado di esibire la relativa certificazione medica;
  • – autoveicoli adibiti al trasporto di persone sottoposte a misure di sicurezza;
  • – autoveicoli adibiti al trasporto di generi alimentari deperibili, alla distribuzione di stampa periodica e di invii postali;
  • – veicoli aventi massa massima non superiore a 3,5 tonnellate, adibiti al trasporto di medicinali e/o trasporto di materiale sanitario di uso urgente e indifferibile adeguatamente certificato, nonché al trasporto di valori;
  • – veicoli utilizzati per il trasporto di persone che partecipano a cerimonie nuziali o funebri, purché i conducenti siano in possesso di appositi inviti o attestazioni rilasciate dai ministri officianti;
  • – veicoli degli operatori dell’informazione quotidiana in servizio, muniti del tesserino di riconoscimento e con attestazione della redazione, o adibiti al trasporto di materiali a supporto del servizio di riprese televisive (es. strumenti di ripresa, gruppi elettrogeni, ponti radio ecc ) relative ai telegiornali;
  • – veicoli utilizzati da edicolanti di turno con certificazione;
  • – autoveicoli utilizzati da lavoratori con turni lavorativi tali da impedire la fruizione dei mezzi di trasporto pubblico, certificati dal datore di lavoro;
  • – automezzi adibiti ai lavori nei cantieri delle linee metropolitane in costruzione;
  • – veicoli o mezzi d’opera che effettuano traslochi o per i quali sono state precedentemente rilasciate autorizzazioni per l’occupazione di suolo pubblico dagli uffici competenti;
  • – veicoli di imprese che eseguono lavori per conto di Roma Capitale o per conto di Aziende di sottoservizi, forniti di adeguata documentazione dell’Ente per cui lavorano o che eseguono interventi programmati con autorizzazione della regia;
  • – veicoli utilizzati per la realizzazione delle iniziative promosse da Roma Capitale forniti di apposita documentazione rilasciata dai Settori competenti o di contrassegni rilasciati dall’organizzazione;
  • – veicoli utilizzati nell’organizzazione di manifestazioni per le quali sono state precedentemente rilasciati atti concessori di occupazione suolo pubblico, forniti di apposita documentazione rilasciata dai Settori competenti;
  • – veicoli delle Associazioni o Società sportive appartenenti a Federazioni affiliate al CONI o altre Federazioni riconosciute ufficialmente, o utilizzati da iscritti alle stesse con dichiarazione del Presidente indicante luogo e orario della manifestazione sportiva nella quale l’iscritto è direttamente impegnato.

Potrebbero interessarti anche