17:45 | Aggredì esponente del Pd, fa ricorso contro l’arresto

Ha presentato ricorso al Tribunale del Riesame il legale di Alberto Palladino, l’esponente dell’associazione di estrema destra CasaPound arrestato ieri per l’aggressione ad alcuni militanti del Pd del 3 novembre scorso a Roma. Palladino è stato arrestato ieri nel primo pomeriggio dai carabinieri del Ros in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, in seguito alle indagini svolte per l’aggressione avvenuta nella zona di Prati Fiscali in Roma.

Il Gip ha fissato a lunedì l’interrogatorio di garanzia. Palladino è accusato di aver partecipato con una quindicina di persone all’aggressione con mazze e bastoni; sarebbe stato il solo ad agire a volto scoperto. Una versione contestata dalla difesa, secondo cui le testimonianze non sono sufficienti.

 

L’aggressione

La notte del 3 novembre 2011, in Roma, tra Largo Valtournanche e Via dei Prati Fiscali, un gruppo di 15 persone travisate con caschi e armate di bastoni e mazze ferrate, aggredì violentemente 5 esponenti del movimento giovanile del Partito democratico che avevano da poco terminato l’affissione di alcuni manifesti.

Le indagini immediatamente condotte dai Carabinieri della Compagnia Roma Monte Sacro e dal Reparto Anticrimine Carabinieri di Roma hanno consentito l’acquisizione di elementi di certezza della partecipazione di Alberto Palladino all’aggressione, peraltro unico del gruppo aggressore rimasto volutamente a volto scoperto.

Alberto Palladino è da poco rientro in Italia dalla Thailandia, Paese dove si era recato qualche giorno dopo l’aggressione agli esponenti del movimento giovanile del Partito Democratico.

Potrebbero interessarti anche