9:17 | La Polverini sulla manovra: “Tassa su yacht colpisce l’indotto”

”La riforma delle pensioni per la prima volta non solo parla di età che fino a qualche tempo fa erano impronunciabili e che comunque rompe dei tabù’ come i 40 anni di contributo – e io mi auguro con l’apertura del Ministro Fornero che parla di saldi invariati, anche se da Tremonti l’abbiamo sentita piu’ volte e non produce mai gli effetti. Per la prima volta i pensionati si vedranno non rivalutare le pensioni che di fatto avranno un reddito che diminuisce. Io non vedo lo stesso atteggiamento per quelli che sono i patrimoni. Io lo sto dicendo da agosto: bisogna avere il coraggio di mettere in campo non misure spot come quella della tassa sugli yacht, ma una patrimoniale vera che guardi ai grandi patrimoni.”

Cosi’ la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, ospite degli studi di La7, ad Omnibus. ”L’ho detto ieri in conferenza delle regioni e poi nell’ufficio politico del Pdl – ha ricordato – tassare gli yacht significa far danno non ai possessori che evidentemente possono permettersi di fare qualsiasi cosa, ma a tutto quello che e’ il lavoro che c’e’ in un porto e a tutto il suo indotto. L’Italia è una Penisola per una barca importante spostarsi in Francia o in Croazia è pochissimo. Questa è una misura patrimoniale che però incide su chi lavora nel porto e chi fa parte dell’indotto. Altra cosa è una patrimoniale che guarda veramente ai patrimoni nella loro completezza”.

Potrebbero interessarti anche