Una cabina di regia per valorizzare gli immobili comunali

antoniozziUn’unità tecnica con il compito di realizzare progetti pilota sull’intero portafoglio immobiliare di Roma Capitale

 

ROMA – Una riunione di giunta capitolina piuttosto infuocata quella di ieri. All’ordine del giorno c’era la valorizzazione del patrimonio immobiliare capitolino, un affare da diecine di milioni di euro, fino ad oggi gestito dall’assessore al Patrimonio, Alfredo Antoniozzi.

L’idea proposta dall’amministrazione era quella di trasferire la gestione degli immobili agli affari generali-ufficio acquisti che avrebbe concentrato su di sé tutti gli interventi, dalla dismissione, alla valutazione, alla stesura dei contratti, fino al rapporto con gli inquilini. Come era prevedibile, è nata una bagarre che ha visto l’assessore Antoniozzi infuriarsi e opporre il suo netto diniego all’operazione.

Per cercare di non compromettere la tenuta della giunta, che non gioverebbe affatto in questo momento ad Alemanno, si è arrivati ad un’altra soluzione. Attraverso infatti la sottoscrizione di un accordo tra l’Amministrazione e l’Agenzia del Demanio, l’Agenzia del Territorio e l’Associazione Nazionale dei Comuni italiani, sarà istituita un’apposita unità tecnica con il compito di realizzare progetti pilota sull’intero portafoglio immobiliare di Roma Capitale.

L’analisi avverrà a largo raggio e coinvolgerà diversi ambiti operativi tra cui quelli inerenti un utilizzo più razionale del patrimonio immobiliare strumentale; il miglioramento delle performance energetiche degli edifici; la dismissione degli immobili ritenuti non strategici o non necessari per il raggiungimento dei fini istituzionali; le valutazioni estimative sugli immobili e la progettazione di fondi immobiliari per il collocamento sul mercato.

Oltre all’unità tecnica, il protocollo (l’ennesimo, ndr) prevede la costituzione, presso l’Amministrazione capitolina, di una cabina di regia formata dal direttore generale, dal direttore esecutivo, nonché dagli assessori all’Urbanistica e al Patrimonio che farà da riferimento a livello strategico e di pianificazione degli interventi di valorizzazione che si deciderà di adottare sulla base delle indicazioni emerse dalla fase di studio.

La delibera approvata anche dall’assessore Antoniozzi, mirerà quindi a valorizzare l’intero patrimonio immobiliare di Roma Capitale e delle società del gruppo attraverso una fase di studio preliminare e un’analisi tecnica che consenta di attivare tutte le iniziative utili a mettere a frutto le enormi potenzialità del patrimonio dell’Amministrazione capitolina.

Potrebbero interessarti anche