14:31 | Chiesti sette anni di reclusione per l’ex collaboratore di Alemanno

Sette anni e mezzo di reclusione. Questa la pena richiesta dal pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, Giovanni Conzo, per Giogio Magliocca, collaboratore sospeso del sindaco di Roma Gianni Alemanno, nonché ex sindaco di Pignataro Maggiore, in provincia di Caserta, del Pdl. Magliocca, avvocato di 37 anni, è imputato di “concorso esterno in associazione mafiosa” e omissione di atti d’ufficio, per aver agito in favore del clan camorristico Ligato-Lubrano, facendo in modo che beni sequestrati alla cosca e affidati al Comune rimanessero, in realtà, nella disponibilità dei boss di riferimento. “È evidente che gli addebiti mossi dalla magistratura all’avvocato Magliocca non hanno nulla a che fare con la sua attività lavorativa presso Roma Capitale, mentre la sua qualificazione in rapporto all’incarico da lui assunto presso il Gabinetto è stata positivamente valutata dal precedente Capo di Gabinetto. Confidiamo che l’inchiesta della magistratura possa concludersi in tempi brevi e accerti la realtà dei fatti contestati”, sono state le parole di Alemanno, in occasione dell’arresto di Magliocca, avvenuto lo scorso 11 marzo.

Potrebbero interessarti anche