Biennale, Emmanuele Emanuele nel Cda della Fondazione

emmanuele_emanuelePaolo Baratta è stato riconfermato alla presidenza, Emanuele nuovo consigliere di amministrazione

ROMA – L’ingegnere Paolo Baratta è stato confermato presidente della Fondazione della Biennale di Venezia dal ministro per i Beni e le Attività Culturali, Lorenzo Ornaghi. L’ufficializzazione è arrivata oggi in seguito al parere positivo espresso dalle Commissioni Cultura della Camera e del Senato.

Nella stessa occasione è stato anche nominato il nuovo Consiglio di amministrazione composto dal sindaco di Venezia e vicepresidente della Biennale stessa, Giorgio Orsoni, dal presidente della regione Veneto, Luca Zaia, o da un suo delegato, dal presidente della provincia di Venezia, Francesca Zaccariotto, o da un suo delegato e dal professor Emmanuele Francesco Maria Emanuele, consigliere di nomina del ministero.

“A nome di Roma Capitale, rivolgo le più vive congratulazioni al professore Emmanuele Emanuele per la nomina nel consiglio della Biennale di Venezia”. Lo dichiara in una nota il sindaco di Roma Capitale, Gianni Alemanno. “La sua esperienza pluriennale nella gestione e ideazione di eventi culturali – aggiunge – in qualità di presidente dell’azienda Speciale del Palazzo delle Esposizioni di Roma e della Fondazione Roma, il suo grande amore per l’arte, la sua cultura e competenza sono qualità che il professore metterà certamente a disposizione degli animatori della Biennale per la migliore riuscita di un evento tra i più prestigiosi d’Italia e d’Europa”.

Entusiasta della nomina, il governatore del Veneto Luca Zaia: “Saluto con grande cordialità il professor Emmanuele Francesco Maria Emanuele che il Ministro ha cooptato nel consiglio di amministrazione. Si tratta di un intellettuale di grande valore che di sicuro saprà portare la sua esperienza e il suo bagaglio di relazioni e cultura nel più prestigioso ente culturale del Paese”.

Dello stesso avviso il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni che ha commentato come il neo consigliere Emmanuele Francesco Maria Emanuele sarà una risorsa importante per l’ulteriore sviluppo della Fondazione”.

Soddisfazione infine dello stesso Zaia per la conferma di Baratta alla presidenza: “Posso dire che si tratta della persona più indicata a raccogliere la sfida che egli stesso ha lanciato all’indomani del termine del suo precedente mandato – ha continuato Zaia- : una Biennale sempre più chiamata all’internazionalizzazione e con sempre maggiore convincimento radicata a Venezia e nel Veneto. Una Biennale con i conti in ordine e con un appeal culturale di primo livello”.

Potrebbero interessarti anche