Un sospiro di sollievo per il trasporto pubblico. In arrivo 1,6 mld

trasporti_pubbliciAccordo raggiunto tra governo e regioni. “Livello minimo” secondo il presidente delle regioni Vasco Errani

ROMA – Governo e regioni hanno trovato finalmente la quadratura del cerchio sul trasporto pubblico locale, che nel 2012 sarà finanziato con 1,6 miliardi di euro. L’accordo è stato raggiunto nell’incontro di questa mattina a Roma, fra una delegazione dei presidenti di regione, il vice ministro dell’Economia Vittorio Grilli e il ministro per gli Affari regionali Piero Gnudi.

I tagli delle precedenti manovre finanziarie avevano ridotto il finanziamento storico di circa 2,1 miliardi di euro a 400 milioni. La manovra del governo Monti aveva trovato 800 milioni che, sommati ai 400 già previsti, portavano il finanziamento a 1,2 miliardi di euro. Con l’intesa che sarà siglata oggi pomeriggio, quindi, si aggiungerebbero altri 400 milioni per arrivare a un totale di circa 1,6 miliardi complessivi.

“Le risorse sul tpl sono la soglia minima per gestire la situazione e le Regioni investiranno proprie risorse”, ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani, al termine della riunione dei governatori. “Abbiamo raggiunto un livello minimo di risorse – ha aggiunto – siamo ancora in una situazione difficile e il lavoro proseguirà per la riqualificazione dei servizi, ma abbiamo fatto passi avanti importanti”.

Dopo il vertice di stamattina al ministero dell’Economia, ha spiegato Errani, “abbiamo definito una base di intesa sul trasporto locale, con riferimento al fatto che le risorse complessivamente sul ferro arriveranno a 1,6 mld per il 2012. Una parte di queste, saranno collegate al patto sul trasporto locale su ferro e su gomma con province, regioni, comuni e governo sull’efficientamento del servizio”. A ciò si aggiunge l’impegno del governo per la fiscalizzazione del trasporto locale a partire dal 2013: “Un risultato importante – ha commentato Errani – che consentirebbe di fare una programmazione pluriennale del servizio”.

Soddisfatta la governatrice del Lazio, Renata Polverini, che ha sottolineato “l’impegno per garantire intanto le risorse minime per il Tpl, nell’ambito però di un patto complessivo con Comuni e Province per una riorganizzazione di tutto il sistema dei trasporti locali a cominciare dal servizio su gomma e per poi arrivare anche al ferro. Con un patto con gli enti locali è possibile garantire un servizio, i lavoratori e nel contempo razionalizzare il settore”.

“Ho chiesto personalmente il coinvolgimento dei Comuni – ha aggiunto la Polverini – perché se puntiamo a un patto che mantenga i livelli occupazionali è molto importante che ci sia un impegno in prima persona anche dei sindaci e dei presidenti di Provincia”.

Potrebbero interessarti anche