11:58 | Regina Coeli, garante Lazio stop a nuovi ingressi

Chiudere temporaneamente ai nuovi ingressi il carcere di Regina Coeli, visti i livelli di sovraffollamento e le penose condizioni di vita che sono costretti ad affrontare i detenuti e coloro che lavorano nella struttura.

E’ questa la proposta shock del Garante dei Detenuti del Lazio Angiolo Marroni, nell’estremo tentativo di evitare che una situazione critica possa divenire «una catastrofe umanitaria»

«Oggi a Regina Coeli – ha detto Marroni – erano reclusi 1.280 detenuti a fronte di una capienza di 724 posti.  E’ un livello record di presenze da 5 anni a questa parte; numeri impressionanti che, per fornire un paragone, sono superiori anche alla capienza tollerabile usata dal Dap per minimizzare il sovraffollamento.

In questo contesto, vista l’impossibilità di trovare una soluzione anche perché tutte le carceri della Regione sono nella stessa situazione, e in attesa delle decisione che assumerà il governo, quella di chiudere la matricola ai nuovi ingressi è l’unica strada per fermare una situazione ai limiti dell’esplosione, riportando livelli di vivibilità minima nel carcere».

Nonostante l’impegno della Direzione e del personale, sovraffollamento e cronica carenza di risorse finanziarie e umane fanno sì che anche la gestione della quotidianità a Regina Coeli sia fonte di problemi: dall’acquisto di materassi e letti nuovi, alla manutenzione ordinaria di una struttura del 1600 fino all’acquisto di materiali per l’igiene e la pulizia.

Potrebbero interessarti anche