Farnesina, gli impegni del ministro da New York a Tripoli

Terzi_di_SantAgataAmpio programma di visite e di incontri internazionali attendono il ministro degli Esteri. Europa, Mediterraneo e Medio Oriente

ROMA – Un ampio programma di visite e di incontri internazionali attendono il ministro degli Esteri Giulio Terzi, da gennaio 2012. Impegni ed attività sulla scia delle linee guida della politica estera del governo illustrati da Terzi in parlamento: Europa, relazioni transatlantiche, Mediterraneo ed azione globale.

Nel quadro della diplomazia europea, il Ministro Terzi si recherà nella prima metà di gennaio prima a Parigi e successivamente, a fine mese, a Londra, per approfondire con le controparti le principali tematiche bilaterali e rafforzare il raccordo sulle principali crisi internazionali. Il 30 gennaio Terzi parteciperà al Consiglio dei Ministri Ue, appuntamento importante per le decisioni sul rafforzamento del regime sanzionatorio nei confronti del’Iran. L’Italia ha proposto l’inserimento in agenda al Consiglio di gennaio dei temi Serbia e Kosovo alla luce dei recenti sviluppi e dell’importanza cruciale che l’Italia attribuisce alla continuazione del processo di avvicinamento di Belgrado all’Ue, attraverso la concessione dello status di candidato e l’avvio dei negoziati di adesione.

Sul piano transatlantico, il ministro Terzi accompagnerà il presidente Monti negli Stati Uniti per la prevista visita bilaterale, la cui data e’ in corso di definizione. Il rapporto solido con gli Stati Uniti resta un’assoluta priorità della politica estera italiana.
Particolarmente fitto sarà il programma di impegni sul fronte mediterraneo. Terzi ha voluto accentuare nella sua impostazione le intonazioni mediterranee della nostra politica estera, alla luce delle trasformazioni indotte dalle primavere arabe e del ruolo primario che l’Italia gioca ed intende giocare in quest’area.

Sono previste a gennaio visite in Tunisia, Egitto e Libia. Terzi ha già avuto un contatto telefonico con il neo-insediato ministro degli Esteri tunisino Abdessalem per congratularsi della sua nomina ed anticipare l’intenzione di compiere una visita in Tunisia nelle prossime settimane.

Circa la Libia, continua l’impegno, in raccordo con l’ambasciata italiana a Tripoli, le altre amministrazioni e la Presidenza del Consiglio per impostare su binari di massima concretezza i rapporti bilaterali nei diversi settori, dall’economia alla sicurezza, alla lotta comune contro l’immigrazione illegale.

E’ in corso di programmazione, sempre a gennaio, anche una visita in Libano, nella prospettiva della riassunzione italiana, alla fine del mese prossimo, del comando Unifil.

Altri impegni del ministro Terzi saranno i temi del Mediterraneo e del Medio Oriente, tra cui la Siria, poi naturalmente il Corno d’Africa e la Somalia, un’area di impegno assolutamente prioritaria per l’Italia.

Potrebbero interessarti anche