15:26 | Musicista pestato al Rione Monti, la perizia: soffriva già di un tumore al cervello

Alberto Bonanni, il musicista romano di 29 anni aggredito la notte tra il 25 e il 26 giugno scorsi nel cuore del Rione Monti a Roma, già soffriva di un tumore maligno al cervello e il colpo preso in pieno volto, che gli provocò un trauma cranico di “lieve entità”, realizzò “un apprezzabile incremento del già esistente edema cerebrale diffuso”, da cui è derivato uno stato di coma poi evolutosi in stato vegetativo persistente. Sono queste le conclusioni della perizia neurologica presentate dal professor Natale Mario di Luca, nominato dal gip Valerio Savio, in seguito alle richieste di incidente probatorio presentate nell’ambito del processo che vede indagat per tentato omicidio aggravato Carmine D’Alise e altre quattro persone.

Potrebbero interessarti anche