9:28 | Coppa Italia, Lazio ai quarti

La Lazio non è guarita. Il successo sul Verona (3-2 sudato, sudatissimo) in Coppa Italia le schiude le porte dei quarti dove incontrerà la vincente tra Milan e Novara, ma evidenzia anche tutti i limiti attuali della squadra di Reja. A cominciare da una panchina troppo corta. Così basta l’inatteso forfait di Radu per mandare in crisi la difesa, costringendo il tecnico ad arretrare Lulic e schierare un Cavanda non all’altezza.

Ma bisogna anche riconoscere i meriti del Verona di Mandorlini, non a caso unica squadra di B arrivata fino agli ottavi e seconda nel suo campionato. Gli scaligeri vanno sotto di due gol, ma non mollano mai, recuperano e solo una punizione magistrale di Hernanes (per il resto piuttosto in ombra) al 90′ li rimanda a casa sconfitti.

Per una sera l’Olimpico si trasforma nella succursale del Bentegodi. I gialloblù sono 2.500 e non fanno mai mancare il loro rumoroso sostegno. I sostenitori laziali non sono molti di più e spesso i cori degli ospiti li sovrastano. L’entusiasmo, almeno all’inizio, sulle gradinate è tutto da trasferta. E anche in campo il Verona parte bene.

In campo ora c’è più Verona che Lazio. Quando ormai i supplementari sembrano inevitabili, ecco la punizione di Hernanes. A Rafael non resta che allargare le braccia. La Lazio avanza in Coppa, ma è ancora convalescente.

Potrebbero interessarti anche