Gianni Letta new entry del Cda dell’Accademia di Santa Cecilia

gianni-letta_tÈ stato eletto in rappresentanza dei Soci Privati. Riconfermato anche il presidente Bruno Cagli

ROMA – Il Consiglio di Amministrazione dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia accoglie da oggi un nome illustre della politica italiana. Gianni Letta, ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri durante l’ultimo governo Berlusconi, è stato infatti eletto nel gruppo dirigenziale in rappresentanza dei Soci Privati.

L’ex giornalista di Avezzano va dunque ad aggiungersi ad altri noti personaggi della politica e della cultura capitolina nel Cda di una delle istituzioni musicali più antiche del mondo. Insieme a lui, si ricordino, tra gli altri, il sindaco Gianni Alemanno, e l’ex presidente di Confindustria, oggi a capo della Banca Nazionale del Lavoro, Luigi Abete.

Riconfermato, per la terza volta consecutiva, dopo la prima elezione nel 2003 e la seconda nel 2006, il presidente Bruno Cagli. Lo scrittore e musicologo è stato docente presso le Università di Urbino e di Napoli, ed è specializzato nello studio dell’opera italiana e francese del Settecento e Ottocento. Oltre a questa carica, è anche a capo dell’Istituto Italiano di Storia della Musica, membro dell’Arcadia, dell’Istituto Studi Romani, dell’Accademia Filarmonica Romana e dell’Accademia Raffaello di Urbino, ed è stato insignito della medaglia d’oro per i benemeriti della cultura.

Dal 1987 al 1990 è stato direttore artistico del Teatro dell’Opera di Roma e dal 1990 al 1999 Presidente-Sovrintendente dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, ruolo per il quale è stato rieletto nel 2003, nel 2007 e oggi. Ha inoltre diretto numerosi festival, come il Festival Barocco di Viterbo e il Festival verdiano in occasione delle celebrazioni del centenario della morte di Giuseppe Verdi.

Potrebbero interessarti anche