Zennaro, l’uomo del tunnel si dimette ancora

zennaroL’ex portavoce Gelmini si è dimesso anche dall’Istruzione. Rimane consulente culturale di Barbara Berlusconi

ROMA – Sono arrivate il 10 gennaio, più veloci della luce, le dimissioni dalla direzione generale per lo studente, l’integrazione, la partecipazione e la comunicazione di Massimo Zennaro, ex portavoce del Ministro Gelmini.
Salito agli onori, o meglio disonori,  della cronaca per il comunicato in cui si congratulava per l’esperimento del Cern sui neutrini citando un fantomatico tunnel fra il Gran Sasso e la Svizzera che ha scatenato l’ilarità della rete, Zennaro aveva rassegnato le dimissioni da portavoce dell’ex ministro dell’Istruzione, mantenendo però il suo incarico al Miur. Molte le polemiche per il mantenimento del prestigioso ruolo, ma il padovano, classe 1973, non aveva mollato la presa e aveva ignorato le critiche mossegli da più fronti.

Ora un comunicato stampa del Miur ci informa delle nuove dimissioni affermando che “la decisione è stata presa dal dott. Massimo Zennaro con anticipo rispetto alla scadenza del contratto, per sua scelta personale, in considerazione del mutato quadro politico. Il Ministro ringrazia il dott. Massimo Zennaro per il garbo istituzionale e per aver bene operato in questi mesi di collaborazione”.
Con l’arrivo di Profumo, l’ex direttore ha dichiarato quindi “mi voglio riposare”, mantenendo comunque la direzione di due riviste scolastiche interne, collaborazione per cui il ministero non pagherà più nulla: tutto è affidato agli editori.
Non dimentichiamoci che da alcuni mesi Zennaro ricopre anche un altro ruolo cruciale nel panorama culturale italiano: è divenuto, infatti, consulente culturale di Barbara Berlusconi.

La figlia dell’ex premier, trovate sbarrate le porte verso la Mondadori dalla sorella Marina, voleva rilanciare la propria immagine nel mondo culturale, anche per non rimanere troppo legata al suo incarico al Milan. Per affrontare una sì ardua impresa, la ventisettenne si è avvalsa dell’aiuto dell’affidabile dottor Zennaro. Le possenti inclinazioni culturali di Barbara, fidanzata del calciatore Pato, furono già ampiamente segnalate quando, nel giorno della sua laurea triennale in Filosofia presso l’Università privata San Raffaele di Milano, si vide pubblicamente offerta dal Rettore, Don Verzé, addirittura una cattedra, gesto che toglie ogni dubbio sulla spiccata propensione filosofica della bella figlia di Berlusconi.
Dai neutrini al vuoto cosmico, una carriera sfolgorante di cui attendiamo i prossimi sviluppi.

Potrebbero interessarti anche