Le quote rosa crescono in Campidoglio

Giunta_Alemanno_sliderIl sindaco Alemanno azzera e rinomina la Giunta. Potenziate le deleghe al vicesindaco Belviso e all’assessore Sensi

ROMA – Alla vigilia della decisione del Tar sulle quote rosa della giunta capitolina, attesa per il prossimo 25 gennaio, il sindaco Gianni Alemanno ha deciso di spiazzare tutti azzerando e rinominando la Giunta, confermando tutti i suoi componenti. È stata firmata questo pomeriggio l’ordinanza con il provvedimento, che contiene anche le motivazioni che blindano l’esecutivo capitolino e prevede una diversa riassegnazione di alcune deleghe.

In particolare, vengono potenziate le competenze delle due rappresentanti al femminile della Giunta, il vicesindaco Sveva Belviso, e l’assessore, Rosella Sensi. Come si legge in una nota del Campidoglio, “al vicesindaco Belviso, ferme restando le deleghe all’onorevole Giorgio Ciardi, è stato affidato il compito un coordinamento generale degli interventi in materia di politiche sociali e della sicurezza. Inoltre continuerà ad occuparsi delle deleghe che già aveva, tra cui le politiche per la promozione della salute, l’attuazione del Piano nomadi, il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro, i rapporti con il garante dei diritti dei detenuti”.

Per quanto riguarda l’assessore Rosella Sensi, “oltre alle numerose deleghe già conferite – come la comunicazione e diritti dei cittadini, la promozione della candidatura olimpica di Roma Capitale, la promozione e coordinamento dei grandi eventi anche in collaborazione con le altre strutture, le politiche promozionali ed eventi nel settore della moda, il coordinamento del piano strategico di sviluppo e progetto Millenium – vengono affidati anche le deleghe per il nuovo assetto istituzionale di Roma Capitale, le relazioni internazionali oltre alla definizione e verifica degli indirizzi gestionali di Roma City Investment, l’agenzia per lo sviluppo territoriale. In questo modo le viene affidato in maniera più completa il ruolo di promozione generale dell’immagine di Roma Capitale”.

Potrebbero interessarti anche