Tragedia sul Gra, camion schiaccia e uccide 5 giovani

GRA_incidenteL’autista, negativo ad alcol e droga, è indagato per omicidio colposo plurimo. Feriti due agenti della stradale

ROMA – Tragedia sul Grande Raccordo Anulare. Questa notte, intorno alle 2:15 circa, un pesante automezzo, che trasportava una cella frigorifero contenente mozzarelle, ha schiacciato una piccola utilitaria, ferma nella corsia di emergenza, uccidendo 5 persone. Si tratta di tre ragazzi e due ragazze, tutti amici e colleghi di lavoro, tra i 21 e i 23 anni, originari di Centocelle e Tor Bella Monaca. L’autista del tir, un italiano di circa 30 anni, che proveniva dal Molise diretto verso alcuni esercizi commerciali della Capitale, è ora indagato per omicidio colposo plurimo, anche se sono ancora da chiarire le cause dello schianto.

Il camion avrebbe investito la Citroen C1 nera su cui viaggiavano i cinque amici all’altezza del chilometri 51 del Gra, nel tratto tra l’uscita Ardeatina e quella Laurentina. Le vittime erano ferme lungo la corsia di emergenza, forse per un guasto, insieme ad una macchina della polizia stradale, quando l’automezzo li ha schiacciati e trasportati sotto al cabina per una cinquantina di metri. I due agenti presenti sono stati feriti e ricoverati all’ospedale Sant’Eugenio in stato di shock, e una dei due ha anche subito un intervento chirurgico al setto nasale. Dalle prime analisi, però, l’autista risulterebbe negativo ai test anti-alcol e anti-droga, per cui si ipotizza un colpo di sonno o una distrazione. I cinque ragazzi, Mario Ferruzzi, 22 anni, Mattia Campaniello, 21, Emilia Di Genova, 22, Matteo Giovannetti, 23, e Arianna Gatti, 22, lavoravano tutti al Mc Donald’s di Tor Bella Monaca. I loro corpi sono stati trasferiti all’obitorio dell’Istituto di medicina legale  del Verano, dove sono state accompagnate anche le famiglie.

Il Raccordo anulare, che era stato chiuso nella notte per quasi quattro ore per sgomberare i rottami, è stato riaperto attorno alle 6 di questa mattina.

Potrebbero interessarti anche