Alla Rai ‘lavori in corso’ sui compensi ai consulenti esterni

cavallo-rai-mazzini-SLIDDa quattro anni la pagina del sito contrattidiconsulenza.rai recita ‘Lavori in corso’. La replica dell’azienda

 

ROMA – Nel mese in cui bisogna rinnovare l’abbonamento Rai, l’Aduc, l’associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori, torna all’attacco dell’azienda pubblica.

Da quattro anni ormai infatti l’Aduc denuncia come “Mamma Rai” non renda pubblici i compensi ai consulenti e professionisti esterni di cui si serve. Il portale della Rai, alla pagina http://www.contrattidiconsulenza.rai.it/main.aspx indica infatti ancora “Lavori in corso”.

Secondo la legge infatti, la mancata pubblicazione degli estremi dei contratti di consulenza comporta l’illegittimità dei relativi pagamenti: “Nessun atto comportante spesa ai sensi dei precedenti periodi può ricevere attuazione, se non sia stato previamente reso noto, con l’indicazione nominativa dei destinatari e dell’ammontare del compenso, attraverso la pubblicazione sul sito web dell’amministrazione o del soggetto interessato, nonché comunicato al Governo e al Parlamento” (art. 3, comma 44 della legge 244/2007).

L’azienda, interpellata, replica però che “anche se giuridicamente viene prevista la pubblicazione di questi dati, non è mai stato fatto il regolamento di attuazione della norma.

Non siamo mai stati infatti contrari – hanno aggiunto dall’azienda – a far sapere quanto paghiamo i nostri showman o le nostri ospiti; le cifre sono di dominio pubblico nella maggior parte dei casi. Quello però di cui abbiamo bisogno sono regole e parametri ben precisi, senza i quali annaspiamo nella discrezionalità”.

Potrebbero interessarti anche