Un simposio contro gli abusi sessuali nella Chiesa

vescovi_spalle_adn--400x300Si terrà a Roma dal 6 al 9 febbraio. Attesi 110 vescovi internazionali e i superiori di 30 ordini religiosi

ROMA – Un simposio per discutere della pedofilia e degli abusi su soggetti vulnerabili, piaga indiscussa della Chiesa contemporanea. L’incontro si svolgerà a Roma, dal 6 al 9 febbraio, nelle stanze della Pontificia Università Gregoriana, dove si riuniranno i delegati provenienti da 110 Conferenze Episcopali, e i superiori di oltre 30 ordini religiosi provenienti da tutto il mondo. L’incontro, dal titolo “Verso al guarigione e il rinnovamento”, ha, secondo quanto riferisce la Conferenza episcopale dell’Inghilterra e del Galles, il sostegno di diverse congregazioni vaticane e della Segreteria di Stato. Sarà un’occasione per scambiare informazioni sulle risorse disponibili a livello globale per reagire al fenomeno nella Chiesa e nella società traendo spunto dalla circolare diffusa nel maggio scorso dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, che ha richiesto a tutte le diocesi del pianeta di mettere a punto entro l’anno “procedure adeguate per fornire assistenza alle vittime di tali abusi, come pure per educare la comunità ecclesiastica sul tema della protezione dei minori”.

Il simposio lancerà un grande istituto di apprendistato a distanza dedicato allo scandalo che ha colpito la Chiesa negli ultima anni, dall’Irlanda agli Stati Uniti, passando per la Germania, dove avrà sede. La città scelta è Monaco di Baviera, che diventerà crocevia degli episcopati di diverse nazioni, che potranno confrontare così le varie risposte messe in campo per fare fronte alla più grave crisi che ha colpito il clero dei giorni nostri.

Nel corso del simposio si alterneranno esperti in diversi campi quali la psicologia, il diritto canonico, la teologia e la pastorale e condivideranno con i partecipanti le proprie conoscenze pratiche con l’obiettivo di sviluppare una risposta coerente e globale da parte della Chiesa nella direzione di una migliore tutela dei più vulnerabili. Ad aprire i lavori sarà una relazione del prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, il cardinale americano William Levada. Ospite dell’iniziativa, anche una vittima di abuso, che si rivolgerà ai vescovi, spiegando come sia necessario promuovere un cambiamento positivo.

Potrebbero interessarti anche