Patricia Cornwell all’inaugurazione della Festa del Libro

cornwell_1523232c

Il 29 gennaio la regina del thriller aprirà l’evento in programma a marzo all’Auditorium. Per l’occasione presenterà il suo ultimo romanzo, “Nebbia rossa”

ROMA – Il 29 gennaio all’anteprima della manifestazione “Libri come” ci sarà una protagonista d’eccezione: dopo dieci anni di assenza, Patricia Cornwell torna in Italia per presentare una nuova avventura della sua Kay Scarpetta. 

“Libri come” è la festa del libro e della lettura in programma da giovedì 25 a domenica 28 marzo 2010 all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Un appuntamento nuovissimo, nato da un’idea di Marino Sinibaldi, promosso e organizzato dalla Fondazione Musica per Roma, un incontro con tutte le figure e le attività che ruotano intorno al mondo dell’editoria.

Per una volta, non si cerca di rispondere alla domanda tradizionale “che cosa è un libro?”, preferendo sostituirla con un più ampio ventaglio di quesiti: “come viene scritto, stampato, pubblicato, venduto e letto un libro?”. A rispondere sono gli ospiti della festa, a cominciare dagli autori che svelano al pubblico i segreti del loro mestiere: l’ispirazione, le tecniche di scrittura, quelle piccole abitudini quotidiane su cui spesso si fonda un libro di successo.

Ad aprire in anteprima questo interessante appuntamento, sarà appunto Patricia Cornewell, classe 1956, che si può definire a buon diritto la regina del thriller. All’evento, che si terrò alla Sala Petrassi dell’Auditorium, la scrittrice presenterà la sua ultima fatica, “Nebbia rossa” (edito da Mondadori), in cui Kay Scarpetta è determinata a far parlare una detenuta colpevole di reati sessuali e madre di un diabolico killer. Introdotta da Marino Sinibaldi, curatore di “Libri come”, la scrittrice americana sarà intervistata da Giancarlo De Cataldo.

La Cornweel, originaria di Miami, ha esordito come cronista di nera per il quotidiano “The Charlotte Observer”. Nel 1990 l’uscita di “Postmortem” sancisce l’esordio letterario dell’ex giornalista che inizia la fortunata serie di romanzi che hanno come protagonista l’anatomopatologa Kay Scarpetta e che hanno raccolto un grande successo sia di pubblico che ti critica. Donna in carriera, fondatrice della Cornwell Enterprises, e anticonformista, la scrittrice americana, ha conquistato le pagine di riviste e giornali e i suoi romanzi sono stati tradotti in 36 lingue.

La grande letteratura internazionale continuerà poi, dall’8 all’11 marzo, ad essere protagonista della Festa del Libro e della Lettura, con protagonisti come il fenomeno letterario spagnolo Carlos Ruiz Zafon, autore di “L’ombra del vento” (Mondadori), il filosofo e saggista bulgaro Tzvetan Todorov, allievo di Roland Barthes e la giornalista-scrittrice statunitense Jennifer Egan, premio Pulitzer per la narrativa nel 2011 per il romanzo “Il tempo è un bastardo” (Minimum Fax).  In programma anche  workshop, dialoghi, mostre, conferenze, appuntamenti per le scuole, tramite cui la Festa del Libro guarderà al futuro, tracciando percorsi e traiettorie per il libro e per l’editoria.

Potrebbero interessarti anche