S&P, raffica di tagli rating a enti locali

SP_sliderFra le più colpite Roma e Milano. Outlook negativo sia per la provincia di Roma che per la Regione Lazio

ROMA – Raffica di tagli di rating agli enti locali da parte di Standard and Poor’s.

A seguito del calo dell’Italia da A a BBB+ dello scorso 13 gennaio, l’agenzia ha ‘a cascata’ ridotto i rating a 13 enti locali fra cui le città di Roma, Milano, Firenze, Bologna Genova e le regioni di Campania, Emilia, Sicilia, Liguria, Marche, Umbria e Friuli e la provincia di Roma. Confermato quello per la Regione Lazio che aveva già un rating BBB+. Tutti gli outlook sono negativi.

Per quanto riguarda il rating del comune di Roma Capitale, S&P lo ha portato da A a BBB+. “L’abbassamento del rating – spiega l’assessore capitolino al Bilancio, Carmine Lamanda – è una conseguenza automatica della riduzione dello stesso rating attribuito allo Stato Italiano”.

La decisione riflette il metodo generale usato dall’agenzia di non assegnare agli enti locali un rating maggiore di quello della Repubblica Italiana. Anche le previsioni negative (outlook) rispecchiano quello del rating sovrano. Un rating maggiore può essere assegnato solo nel caso in cui l’ente locale abbia una minore dipendenza dai trasferimenti statali, una economia più vitale o un’alta flessibilità finanziaria.

Potrebbero interessarti anche