Il gigante Facebook sta per sbarcare in Borsa

facebook_borsaIl più famoso social network presenta oggi l’Ipo. La quotazione superebbe Google affiancandosi a McDonald’s

 

ROMA – Compirà 8 anni il prossimo 4 febbraio e come regalo di compleanno potrebbe avere un posto in Borsa. Facebook, il social network fondato da Mark Zuckerberk, ha presentato oggi tutti i documenti per l’Ipo (Offerta pubblica iniziale) alla la Sec. La Consob statunitense deciderà quindi se potrà sbarcare in Borsa o meno.

Grandi sono le aspettative per quanto riguarda la quotazione. Secondo indiscrezioni, Facebook punta a un’Ipo, da 5 miliardi di dollari. A guidare il collocamento sarà Morgan Stanley, con un ruolo minore a Barclays, Bank of America-Merrill Lynch, Goldman Sachs e JPMorgan. Secondo altri, Facebook punterebbe molto più in alto, a ben 10 miliardi: nel caso fosse vero e la cosa andasse in porto, si tratterebbe del quarto collocamento della storia dopo quelli di Visa, General Motors e AT&T.

La documentazione presentata oggi alla Sec si profila anche come una prima occasione per esaminare i conti del social network che conta, ad oggi, 800 milioni di utenti. Sempre secondo i ben informati, la società nel 2011 ha registrato un utile operativo di 1,5 miliardi di dollari.

Secondo le stime di eMarketer, i ricavi di Facebook nel 2011 sono ammontati a 4,27 miliardi di dollari, di cui 3,8 miliardi di dollari dalla pubblicità. Il social network lo scorso anno ha rafforzato la propria leadership nella pubblicità online tramite banner, distanziando Yahoo!: Facebook ha conquistato – secondo i dati di ComScore – il 27,9% del mercato, in aumento rispetto al 21% del 2010. Yahoo! si ferma all’11%. Facebook punterebbe quindi a una valutazione fra i 75 e i 100 miliardi di dollari, mettendosi così al pari di McDonald’s e stracciando di netto Google.

Gli obiettivi dell’ambizioso e geniale fondatore sembrano chiari: reperire nuovo denaro per supportare le prossime fasi di crescita della compagine e aumentare i profitti relativi. Questo nonostante lo sbarco in borsa non sia esente da rischi.
Mark Zuckerberg, ad ogni modo, è fortemente intenzionato a mantenere il timone della società e tutto lascia ad intendere che l’arrivo in borsa non muterà la strategia di gestione adottata fino ad oggi.

Se la presentazione di oggi non incontrerà ostacoli, ci si aspetta quindi l’ingresso in Borsa per maggio.

Potrebbero interessarti anche