Mastrapasqua, il collezionista di cariche

MastrapasquaIl presidente dell’Inps assume l’ennesima presidenza di un fondo immobiliare che punta dritto proprio all’istituto di previdenza

 

ROMA – La notizia è uscita sulla stampa qualche giorno fa. Il presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua, già titolare di 24 cariche di presidenze societarie di varia ragione sociale, ha assunto nei giorni scorsi la presidenza del fondo immobiliare Idea FIMIT. Il Fondo ha tra i suoi azionisti gli enti previdenziali Enplas ed Inpdap che sono titolari originari di cospicua parte del suddetto patrimonio abitativo confluito proprio in Inps.

Si può dunque ravvisare, secondo il democratico Roberto Morassut, membro dell’ottava commissione lavori pubblici della camera, il rischio di una situazione non trasparente e di reale conflitto di interesse nella figura del Mastrapasqua poiché Idea FIMIT secondo talune indiscrezioni di stampa intenderebbe partecipare ad una asta per rilevare il patrimonio abitativo di dell’istituto di previdenza per gestirlo e valorizzarlo anche con dismissioni. Tale percorso creerebbe una ingiusta sperequazione tra le famiglie che hanno acquistato in passato a certe condizioni stabilite dalla legge e quelle attuali, ancora conduttrici, che aspettano inerti una risposta dall’istituto.    

Numerose sono state infatti le iniziative parlamentari che hanno sollevato in aula e nelle commissioni parlamentari il tema della conclusione della vendita degli alloggi degli enti previdenziali pubblici divenuti proprietà Inps dopo lo scioglimento delle società Scip. Anche gli inquilini e le organizzazioni hanno rivolto alle istituzioni e all’Inps richiesta di chiarimenti sulla interruzione di una procedura garantita e coperta dalla legge e quindi senza dubbi interpretativi alcuni. L’Istituto, sottolinea Morassut, ha sempre opposto un sostanziale mutismo appellandosi alla necessità di ricevere dai Ministeri competenti sulla vigilanza dell’Istituto e del suo patrimonio non meglio chiarite direttive interpretative. Solo recentemente qualche timido segnale di risveglio ha permesso l’avvio di un tavolo di confronto con i sindacati.

Il rappresentante del Partito Democratico chiede dunque cosa i ministri del lavoro e dell’economia e l’Inps intendano fare per concludere il capitolo dismissioni sulla base delle tassative direttive della legge e quale sia l’esito delle iniziative assunte a seguito delle azioni parlamentari promosse sul tema. Non solo. Morassut si domanda infine se i due ministri intendano chiarire la posizione di Mastrapasqua in relazione a possibili conflitti di interessi.

Potrebbero interessarti anche