Istruzioni per l’uso della sottoscrizione del prestito Enel

Enel_Fulvio_ContiParte oggi il prestito Enel da 1 mld e mezzo. Scadenza 2018. Il rendimento delle obbligazioni a tasso fisso e variabile

 

ROMA – La Consob ha autorizzato la pubblicazione del prospetto informativo relativo all’offerta pubblica e quotazione sul mercato telematico delle Obbligazioni e dei Titoli di Stato (“MOT”) delle obbligazioni Enel S.p.A. (“Enel”) a tasso fisso e a tasso variabile riservate al pubblico in Italia, per un valore complessivo massimo di un miliardo e mezzo di euro. Tale importo potrà essere aumentato sino a tre miliardi di euro.

I proventi dell’offerta, deliberata a novembre scorso, sono destinati alla gestione operativa del Gruppo, ivi incluso l’eventuale rifinanziamento del debito, nell’ambito della strategia di estensione della scadenza media del debito consolidato.

L’offerta si svolge da oggi al 24 febbraio, salvo chiusura anticipata o proroga, secondo le ipotesi descritte nel prospetto. Le obbligazioni a tasso fisso o a tasso variabile potranno essere sottoscritte presso i collocatori con un investimento minimo di 2.000 euro, pari a 2 obbligazioni del valore nominale di 1.000 euro ciascuna, con possibili incrementi pari ad almeno 1 obbligazione, per un valore nominale di 1.000 euro ciascuna.

La durata delle obbligazioni, sia a tasso fisso sia a tasso variabile, è di 6 anni (scadenza 2018). È previsto il rimborso integrale del capitale alla scadenza dei prestiti. Le obbligazioni saranno ammesse alla negoziazione sul MOT e la loro quotazione sarà consultabile ogni giorno sui quotidiani specializzati e su internet. Il risparmiatore potrà quindi negoziare le obbligazioni in qualsiasi momento ai prezzi di mercato.

Enel ha richiesto l’attribuzione del rating alle obbligazioni, che sarà reso noto al pubblico mediante un apposito comunicato stampa.

L’adesione all’offerta delle obbligazioni non comporterà alcuna spesa o commissione di sottoscrizione. Il rendimento delle obbligazioni si intende al lordo della imposizione fiscale vigente al momento del pagamento della cedola. Gli interessi maturati saranno corrisposti agli investitori annualmente in via posticipata.

Il rendimento delle obbligazioni a tasso fisso sarà determinato sommando al tasso mid swap a 6 anni un ulteriore margine di rendimento, che sarà non inferiore a 310 punti base (basis points). Per avere un’idea del tasso d’interesse finale, si tenga presente che nel secondo semestre del 2011, il tasso mid swap a 6 anni ha registrato un valore minimo di 1,9070 punti percentuali e uno massimo di 2,9885

Gli interessi maturati sulle obbligazioni a tasso variabile saranno corrisposti agli investitori semestralmente in via posticipata. Per tutta la durata del prestito il rendimento sarà indicizzato al tasso Euribor a 6 mesi, maggiorato di un ulteriore margine di rendimento, non inferiore a 310 punti base.

Le obbligazioni saranno collocate per il tramite del consorzio di collocamento e garanzia coordinato e diretto da Banca IMI, BNP Paribas e UniCredit.

Potrebbero interessarti anche