Maltempo, 48 ore di tregua prima della nuova bufera

Neve_romaLa Procura apre un fascicolo. Scuole aperte. È emergenza nel resto della Regione. A Frosinone interviene l’Esercito

ROMA – Mezzi pubblici non garantiti, mancanza di luce, acqua e gas e difficoltà nel percorrere le strade. La Procura di Roma ha aperto un’inchiesta in merito ai disagi causati dal maltempo e dalla neve dei giorni scorsi, anche se si tratta di un fascicolo “modello45”, cioè senza ipotesi di reato e senza indagati.

Alla base dell’inchiesta, le denunce di alcune associazioni di consumatori, tra cui Codacons e Adoc, che hanno invocato l’intervento della magistratura in seguito a gravi disservizi causati in città dalla neve, soprattutto nel settore dei trasporti pubblici. Il dito è stato puntato anche contro Comune, Protezione Civile, Anas ed Enel. Un altro esposto è stato infine depositato dal deputato del Pd Renzo Carella, che ha presentato anche un’interrogazione parlamentare per capire come l’Enel abbia effettuato la manutenzione delle linee elettriche sui Monti Lepini e nella Valle del Sacco. Soddisfatto il sindaco Gianni Alemanno: “Il fascicolo di indagine aperto dalla Procura di Roma sulle base delle denunce presentate da alcune associazioni dei consumatori è utile e opportuno. L’inchiesta contribuirà a fare chiarezza sulle responsabilità dei disagi che hanno subito i cittadini romani per il maltempo, così come avevo proposto, sollecitando una Commissione di inchiesta sull’accaduto”.

Intanto il maltempo concede 48 ore di tregua alla Capitale. Gli uffici hanno ripreso a lavorare a pieno ritmo, ed anche le scuole hanno riaperto da stamattina. Ma il sole non bacerà la città ancora per molto. Le previsioni annunciano una nuova ondata di neve per venerdì, ed alcuni si spingono addirittura a indicare nelle 19 l’ora della bufera, che durerà per le 24 ore successive.

Nel resto della regione è ancora invece emergenza. Le zone più colpite nella provincia di Frosinone, dove ancora migliaia sono le famiglie isolate, e questa mattina sono dovuti intervenire gli uomini dell’Esercito per liberare le strade e i marciapiedi da ghiaccio e neve. Le scuole sono rimaste chiuse, e in alcuni comuni lo saranno almeno fino a venerdì. Al buio anche 50 famiglie a Valmontone.

Potrebbero interessarti anche