Neve, la situazione su Roma e dintorni. I piani di emergenza

Roma_neveCaos sul Gra. In Provincia oltre 40 cm di neve. Alitalia cancella diversi voli. Scattati i piani di emergenza del Tpl

 

ROMA – E’ arrivata, come previsto, la seconda ondata di maltempo che tra oggi e domani interesserà vaste aree del Paese. E anche a Roma ha cominciato a nevicare.

Dopo una settimana dalla nevicata che ha creato caos nella Capitale, è tornata la neve a Roma. I primi fiocchi sono stati avvistati anche in centro, dall’Esquilino a piazza Venezia.

Prime ripercussioni sull’operativo dei voli anche all’aeroporto di Fiumicino a causa della nuova ondata di maltempo: l’Alitalia fin dalla mattinata ha effettuato alcune cancellazioni di voli tra Roma e Milano, per alleggerire il traffico nei due scali. Al momento, per l’intera giornata le cancellazioni programmate sono state 12, di cui 7 voli provenienti da Linate e 5 diretti nel capoluogo lombardo. L’Alitalia fa sapere di avere già riprotetto tutti i passeggeri su voli alternativi.

In alcune zone della provincia di Roma la neve ha raggiunto anche i 40 centimetri. Da questa mattina sono in corso abbondanti nevicate, in particolare nel territorio della Valle dell’Aniene, della Cassia e dei Castelli. A Cesano dove venerdì scorso si erano registrate criticità dopo la forte nevicata è in corso una bufera di neve.

Tutti i mezzi spazzaneve e spargisale della provincia, della Protezione civile, dell’esercito, delle ditte esterne e dei volontari e dei cantonieri, sotto il coordinamento della Prefettura di Roma d’intesa con la Provincia di Roma, sono in azione sin dalle prime ore del mattino. Attualmente tutte le strade provinciali sono percorribili. Resta l’obbligo di catene a bordo, o uso di gomme termiche e il divieto di circolazione per mezzi pesanti e ciclomotori.

Nella Capitale dove sono attesi 30 cm di neve, il sindaco Alemanno ha disposto la chiusura di scuole e uffici pubblici fino a sabato e obbligo di catene per le auto.

A seguito della neve iniziata a cadere sulla capitale, sul Grande raccordo anulare si sono verificati i primi intoppi. I mezzi pesanti in transito sul vengono parcheggiati nelle aree di servizio di Settebagni, Casilina (carreggiata interna), Ardeatina est, Pisana (carreggiate interna ed esterna) poichè non si passa neanche con le catene a bordo.

Detenuti in prima linea nel fronteggiare l’emergenza maltempo, vanghe e pale alla mano per liberare le strade dalla neve. Accade a Roma e Sulmona dove, in affiancamento a personale dell’Ama, i detenuti stanno pulendo le strade della Capitale adiacenti il Campidoglio, mentre a Sulmona sono impiegati nelle vie cittadine.

Intanto la Guardia di Finanza sta eseguendo un’ampia serie di controlli finalizzati all’individuazione di frodi ed indebiti fenomeni speculativi legati all’attuale emergenza neve. Venditori all’ingrosso e al dettaglio di catene da neve e gomme termiche: questi gli obiettivi dei controlli scattati a Roma da parte del Comando provinciale della Guardia di Finanza. L’operazione delle fiamme gialle interessa l’intero territorio della capitale ed è rivolta ai venditori all’ingrosso e al dettaglio.

È attivo 24 ore al giorno il numero verde della Protezione Civile di Roma capitale, che risponde all’800 854 854 per le richieste dei cittadini che dovessero trovarsi in situazioni di emergenza o di pericolo a causa delle nevicate. In alternativa sono attivi h24 anche il numero 06 67109200 che mette in contatto con la sala operativa della stessa Protezione Civile, o il numero 06 67691 della Polizia Municipale, oltre a tutti gli altri tradizionali numeri di emergenza.

Per facilitare la mobilità, il Campidoglio ha disposto sempre oggi 10 febbraio l’apertura delle Ztl e stabilito con una serie di ordinanze l’obbligo di circolazione con catene a bordo o gomme termiche per tutti gli autoveicoli, dalle 6 di venerdì 10 fino alla mezzanotte di sabato 11. E, in presenza di neve sulle strade, gli automobilisti saranno obbligati a montarle, pena 50 Euro di multa. Nelle stesse ore, sarà in vigore il divieto di circolazione ai ciclomotori e motoveicoli, dalle 6 di venerdì a tutta la giornata di sabato. In caso di neve, saranno sciolti anche i turni dei taxi.

Per quanto riguarda il trasporto pubblico, le linee di superficie è scattato il Piano neve, che  prevede: 866 autobus di 79 linee Atac-Roma Tpl equipaggiate con catene o gomme termiche; i bus non equipaggiati se possibile proseguiranno il servizio fino al capolinea, da dove torneranno nei depositi fuori servizio. In caso di emergenza, agli 866 bus garantiti si potranno aggiungere altri 200 mezzi.

Sempre attive le metropolitane A e B; ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Viterbo e linee del tram 2, 8, 14 e 19 (che sostituirà a Centocelle la linea 5).

Ferrovie dello Stato sospende sei linee che collegano Roma, Viterbo, il Frusinate, l’Umbria e l’Abruzzo. Ridotto e rallentato il servizio sulle altre, regolare il treno per Fiumicino aeroporto.

Potrebbero interessarti anche