10:20 | Le pagelle di Siena-Roma. Pochi hanno la sufficienza

Il posticipo del lunedì tra Siena e Roma sorride alla squadra di Sannino che allo stadio ‘Franchi’ si impone per una rete a zero sui giallorossi. Poche le note liete tra gli ospiti, come sottolinea calciomercato.it, mai pericolosi dalle parti di Pegolo. La palma di peggiore va ancora una volta a Josè Angel ma è l’intera retroguardia giallorossa a ‘ballare’. Nell’episodio chiave del match, Kjaer aggancia Destro in area ma è l’attaccante senese a cercare il contatto. Calaiò realizza con freddezza il tiro dal dischetto. Ineccepibile dal punto di vista tattico la prova dei padroni di casa, guidati da un Brienza in gran spolvero.

SIENA
Pegolo 6 – Ben posizionato su una punizione insidiosa di Lamela nel primo tempo e attento su una conclusione velenosa di Borini nel finale. Poco impegnato stasera.
Vitiello 6 – Concentrato, non regala nulla agli avversari. Resta bloccato sulla linea di difesa senza proporsi in avanti.
Rossettini 6,5 – Chiude ogni spazio nella zona centrale dell’area di rigore. Da lì non si passa.
Terzi 6,5 – Puntuale negli interventi difensivi. Gli attaccanti sono costretti a girare a largo.
Del Grosso 6 – Bravo nel respingere le folate offensive di Rosi. Anche lui si limita alla sola fase difensiva.
Giorgi 6,5 – Aiutato dall’avversario diretto non proprio proibitivo, brucia avanti e indietro la fascia di competenza spingendo con personalità e rendendosi pericoloso. Dal 77′ Parravicini sv.
Gazzi 6 – Tanta quantità e abnegazione in mezzo al campo.
Vergassola 6 – Fondamentale per spezzare le azioni e rilanciare l’offensiva senese.
Brienza 6,5 – Molto vivace, gioca a tutto campo mettendo in seria difficoltà la retroguardia giallorossa. Spesso le sue giocate vengono vanificate dalla scarsa precisione degli attaccanti.
Destro 6,5 – Si muove in continuazione aiutando in fase di ripiego e sfruttando la propria velocità contro i centrali di difesa. Male nel momento decisivo, quello della conclusione a rete. Si conquista, con astuzia, il rigore che porta all’1 a 0. Dal 83′ Grossi sv.
Calaiò 6,5 – Si batte su ogni pallone lanciato dalle retrovie tentando di far salire la squadra. Sbaglia una facile occasione da rete nel primo tempo ma calcia con freddezza il penalty nella ripresa. Dal 71′ Angelo sv.
All. Sannino 7 – Tutti chiusi dietro pronti a ripartire in gran velocità. Prepara bene la gara ed il risultato gli dà ragione.

ROMA
Stekelenburg 6 – Per un soffio non riesce a neutralizzare il rigore. Per il resto ordinaria amministrazione, ma solo per l’imprecisione sotto porta di Destro e Calaiò.
Rosi 5 – Al solito, pericoloso quando si propone in avanti ma disattento in fase difensiva.
Heinze 5,5 – Il sistema di gioco di Luis Enrique espone a grossi rischi i due centrali di difesa. L’argentino contiene i danni grazie all’esperienza e alla scarsa vena realizzativa degli attaccanti avversari.
Juan 5,5 – Anche il brasiliano incontra molte difficoltà quando si trova uno contro uno in campo aperto. Esce per infortunio all’intervallo. Dal 46′ Kjaer 5 – Appena entrato, commette una grossa ingenuità su Destro causando il rigore del vantaggio bianconero. Decisamente sfortunato negli episodi.
J. Angel 4,5 – Il goal in partitella durante la settimana ha evidentemente rilanciato le speranze del tecnico asturiano che lo ripropone ostinatamente dal primo minuto. La prestazione di oggi, però, conferma ancora una volta quanto il terzino spagnolo sia inadeguato per il campionato di Serie A.
Viviani 5 – Poco efficace nell’azione di schermo davanti alla difesa e fin troppo impreciso in fase d’impostazione.
Simplicio 6 – Gioca molto vicino a Viviani per concedergli sempre un facile disimpegno. Tenta qualche pericoloso inserimento in area avversaria nella prima frazione di gioco. Dal 68′ Bojan 5,5 – Partecipa all’arrembaggio finale ma con scarsi risultati.
Pjanic 5 – Un passo indietro rispetto alle ultime prestazioni. Dovrebbe essere lui a prendere in mano le chiavi del gioco ma si vede poco.
Lamela 6 – Gioca tra le linee risultando l’uomo più pericoloso tra i giallorossi. Può e deve fare di più.
Totti 5 – La scarsa precisione nell’assistere i propri compagni lo rende nervoso. Giornata no per il capitano giallorosso. Dal 59′ Osvaldo 5,5 – Torna dopo un lungo stop ma non riesce a rendersi pericoloso.
Borini 5,5 – Per larghi tratti di gara è avulso dalla manovra giallorossa. A pochi minuti dal termine impegna Pegolo con una conclusione insidiosa.
All. Luis Enrique 5 – Il suo credo di gioco prevede l’uno contro uno dei difensori con gli attaccanti avversari; troppo rischioso. Anche oggi, una volta in svantaggio, la squadra giallorossa non riesce a risollevare le sorti del match.

Arbitro Rocchi 5 – L’episodio decisivo accade al 50′: le immagini mostrano che è Destro a cercare il contatto con la gamba di Kjaer in occasione del rigore senese. Molti dubbi.

Potrebbero interessarti anche